Notizie

IN AGENDA:

Bologna 30 novembre – 2 dicembre – Tecnologia e disabilità, a novembre torna “Handimatica”

Si tratterà dell’XI edizione dell’appuntamento promosso dalla Fondazione Asphi. “In questo contesto di ‘innovazione istituzionale’, con cambiamenti molto significativi che interessano il mondo della disabilità, è sempre più fondamentale interrogarsi sul ruolo delle tecnologie”
Handimatica, la principale mostra-convegno nazionale su tecnologia e disabilità, ci sarà nel 2017, dal 30 novembre al 2 dicembre presso l’Istituto Aldini Valeriani Sirani, Via Bassanelli 9, Bologna.

Leggi: Redattore Sociale


IN EVIDENZA:

Influenza, parte la campagna di vaccinazione 2017 -2018

Da metà ottobre a fine dicembre è il periodo più indicato per effettuare la vaccinazione antinfluenzale, per la situazione climatica del nostro Paese e per l’andamento temporale mostrato dalle epidemie influenzali.
La vaccinazione rappresenta un mezzo efficace e sicuro per prevenire la malattia e le sue complicanze.
L’avvio della campagna non è uniforme sul territorio nazionale e dipende, in genere, dal momento in cui il vaccino viene reso disponibile alle singole Asl. Anche le modalità di distribuzione e somministrazione dei vaccini possono essere diverse e coinvolgono una pluralità di attori (Servizi di vaccinazione dei Dipartimenti di Prevenzione delle ASL, Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta).
Come affermato nella Circolare ministeriale 31 luglio 2017 “Prevenzione e controllo dell’influenza- raccomandazioni per la stagione 2017-2018”, obiettivi della campagna vaccinale stagionale sono:
–    la riduzione del rischio individuale di malattia, ospedalizzazione e morte
–    la riduzione dei costi sociali connessi con morbosità e mortalità.

Leggi:  Ministero della Salute


Vaccini per la salute degli anziani. Al via la campagna “Io ci vado”

A partire da quest’anno, oltre al vaccino antiinfluenzale, quello antipneumococco è gratuito per gli over 65. La campagna è promossa da HappyAgeing, l’alleanza per l’invecchiamento attivo a cui aderisce anche lo Spi-Cgil.
A partire da quest’anno, oltre al vaccino antiinfluenzale, quello antipneumococco è gratuito per gli over 65. La novità, prevista dal Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale (PNPV) 2017 -2019 e inserita nei nuovi Livelli essenziali di assistenza, è stata introdotta per arginare il rischio di contrarre malattie da pneumococco, un batterio potenzialmente pericoloso e letale per l’uomo e che nella popolazione anziana provoca le polmoniti. Eppure la percezione dei rischi è ancora scarsa: solo un anziano su tre sa che di polmonite si può morire. Per questo motivo, l’Alleanza italiana per l’invecchiamento attivo HappyAgeing (www.happyageing.it) con la nuova campagna “Io ci vado” e il claim “ll vaccino Ti spetta. Tu che aspetti?” esorta i nati nel 1952 e tutti gli anziani a far proprie queste conquiste di prevenzione, compiendo un importante gesto in difesa della propria salute.

Leggi: Liberetà


Prestazioni familiari alle Unioni civili

Le istruzioni dell’Inps
A partire dal 5 giugno prossimo, alle coppie omossessuali che abbiano contratto una Unione civile spettano gli assegni familiari, quelli al nucleo familiare e il congedo matrimoniale, al pari di quanto previsto per i coniugi. E’ quanto precisa l’Inps nella circolare n. 84 del 5 maggio scorso, con la quale l’Istituto fornisce i chiarimenti necessari alla luce delle novità introdotte dalla legge n. 76 del 2016 sulle Unioni civili.
Analizzando alcune situazioni tipo, l’Istituto precisa che nei casi in cui in una Unione Civile, solo un componente risulti essere lavoratore dipendente o titolare di prestazione previdenziale, al pari del diritto riconosciuto nell’ambito del matrimonio, devono essere riconosciute le prestazioni familiari per la parte dell’unione civile priva di posizione tutelata.

Leggi: Inca


SEGNALAZIONI:

 50&Più, a Venezia forum degli over 50

Dal 14 al 17 novembre, presso Palazzo del Casinò e il Palazzo del cinema del Lido di Venezia, si tiene Gold Age, il forum dedicato agli over 50. Una quattro giorni di incontri, testimonianze, workshop ed esposizioni che approfondiranno molti aspetti legati alla terza età.
Il forum, arrivato alla XIII edizione e promosso dall’Associazione 50&Più, avrà come fil rouge il tema del futuro. “La sera conosce cose che il mattino nemmeno immagina” è il titolo di questa edizione, un viaggio attraverso i prossimi decenni che coinvolgerà illustri relatori e oltre 2000 soci di 50&Più provenienti da tutta Italia.

Leggi: Auser


Prorogata fino al 31 dicembre 2017 “Facile Smart”, la convenzione Auser-Saiet per lo smartphone a misura di anziano

E’ valida fino al 31 dicembre 2017 la convenzione fra Auser e Saiet per l’acquisto a   prezzo scontato riservato ai soci Auser,  di “Facile Smart”, l’unico smartphone con tastiera telefonica dedicato ad un’utenza senior.
La convenzione prevede uno sconto di 10 euro sull’acquisto del telefono per tutti i tesserati che si recheranno presso un Saiet Point: un prezzo quindi di €129,00 anziché €139,00. La differenza verrà successivamente rimborsata al Rivenditore direttamente da Saiet o attraverso il Distributore Ufficiale.
Per informazioni: SAIET Telecomunicazioni  – Tel. 051.706711 – sales@saiet.it  – www.saiet.it

Leggi:  Auser


Lavoro domestico

L’invecchiamento della popolazione e l’ingresso di molte donne nel mercato del lavoro hanno determinato, negli ultimi anni, una crescente domanda di servizi di collaborazione domestica da parte delle famiglie italiane. Si tratta di un fenomeno cresciuto enormemente nell’ultimo decennio per far fronte ad una generalizzata diminuzione dell’erogazione dei servizi alla famiglia da parte delle istituzioni pubbliche. Allo stesso tempo, si tratta di un mercato poco istituzionalizzato, in cui l’incontro tra domanda e offerta e la contrattazione sono quasi sempre gestiti dalle singole famiglie.
Lo studio, realizzato dalla Fondazione Leone Moressa con DOMINA (Associazione Nazionale Famiglie Datori di Lavoro Domestico, firmataria del CCNL sulla disciplina del lavoro domestico), ha l’obiettivo di mettere in evidenza il ruolo del lavoro domestico in Italia, dal punto di vista delle famiglie italiane, sottolineandone l’impatto sociale e quantificando il valore economico generato. Lo studio è suddiviso in 9 dossier, pubblicati tra marzo e ottobre 2017.

Leggi: Fondazione Leone Moressa


Anziani e casa di abitazione, studio della fondazione CARIPLO

Anziani con abitazioni di valore e reddito basso. E’ questa una nuova contraddizione che si sta palesando nell’arcipelago della «disuguaglianza italiana»: sono circa 1,3 milioni i nuclei di anziani che dispongono di un reddito inferiore a 20 mila euro l’anno e però possiedono una casa che ne vale almeno 200 mila. Ancora più alta è la percentuale di anziani (21%) che abitano in casa di proprietà e hanno una capacità di risparmio basso o nullo. L’argomento è stato approfondito dal professor Luca Beltrametti che ha preparato un apposito studio («House rich, cash poor») per la Fondazione Cariplo con l’obiettivo di favorire una riflessione sulla ricchezza immobiliare (statica) degli anziani e su come possa essere messa in circolo. Sia per sostenere il reddito e le spese sanitarie dei legittimi proprietari sia per favorire figli e nipoti al tempo giusto e non solamente dopo, ovvero sotto forma di eredità a seguito della scomparsa di genitori e progenitori. Lo studio  è stato  presentato a Milano  il 2 ottobre in occasione della festa dei nonni.
Per info: www.fondazionecariplo.it

Leggi: Auser


Servizi e sportelli social(i)

Dal 21 agosto è online la nuova pagina facebook “Servizi e sportelli sociali – Comune di Bologna”, consultabile liberamente (anche senza alcun login, non serve avere un proprio profilo) a questo indirizzo.
La pagina si pone in primo luogo l’obiettivo di rafforzare la comunicazione rivolta ai cittadini, facendo circolare maggiormente notizie e informazioni utili e raggiungendo con più facilità anche tutti quegli utenti che accedono a internet prevalentemente o solo attraverso dispositivi mobili (e sono ormai la maggioranza di chi naviga in internet), dando risposta con maggiore immediatezza anche ad eventuali quesiti, dubbi e domande. Ma  vuole essere anche un luogo per raccontare attraverso piccole photogallery e post, le attività dei servizi sociali territoriali e degli altri servizi di varia natura a valenza sociale per valorizzarli e favorire l’incontro con i cittadini e lo scambio tra operatori.

Leggi: Comune di Bologna


NEWS:

lunedì 13 novembre 2017
Camusso: le proposte del governo sono insufficienti

Esecutivo e sindacati si rivedono sabato 18 novembre per l’incontro finale sul tema della previdenza. Il segretario generale della Cgil: “Distanze molto significative. Mancano risposte, soprattutto sulle pensioni dei giovani e il lavoro di cura”
Le risposte del governo sul tema dell’aspettativa di vita “sono ampiamente insufficienti perché aprono problemi di cambiamento del meccanismo previdenziale”. Così il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, in conferenza stampa dopo l’incontro. Anche la platea dei lavori usuranti, esentati dall’aumento automatico dell’età pensionabile, “è insufficiente”. “Continua il lavoro, le distanze sono molto significative e le proposte fatte oggi non delineano una facile soluzione dei problemi affrontati”.
In riferimento all’incontro di sabato, il leader di corso d’Italia aggiunge: “Il governo dovrebbe impegnare questo tempo per definire una risposta ai punti della nostra piattaforma, perché oggi pomeriggio mancavano molti aspetti, primi tra tutti le pensioni dei giovani, il lavoro di cura, la previdenza complementare per i privati”.

Leggi: Rassegna Sindacale, 13/11/2017


lunedì 13 novembre 2017
L’infermiera virtuale è già realtà

I risultati. Spese di assistenza ridotte fino all’86% e migliore adesione alle terapie
Negli Stati Uniti sono ormai migliaia le persone colpite da patologie croniche seguite da Molly, l’assistente virtuale progettata da Sensely
Gli algoritmi indossano il camice. La chirurgia assistita da robot ha da sola, secondo le stime di Accenture, un valore di 40 miliardi di dollari da qui al 2026, ma le applicazioni dell’intelligenza artificiale (IA) non si fermano qui e sono destinate a popolare tutto il settore della salute. Dall’assistenza al paziente (20 miliardi di dollari di valore) al monitoraggio dei flussi di lavoro, la rivelazione delle frodi e il miglioramento delle cure attraverso il monitoraggio in continuo, la riduzione dei dosaggi e diagnosi sempre più precoci e low­cost perché automatizzate. Un esempio è l’israeliana Mazor Robotics, specializzata nella chirurgia spinale che utilizza le immagini 3D prodotte dalle Tac per istruire il chirurgo, fin da prima che egli veda il paziente. Il suo robot Renaissance, utilizzato in più di 5mila interventi in 54 ospedali in tutto il mondo trai quali il Cto di Torino,è dotato di un braccio che guida gli strumenti del chirurgo con una precisione impossibile con le tecniche tradizionali. Nell’ambito dell’assistenza ai pazienti un esempio è quello della statunitense Sensely. La sua infermiera virtuale Molly assiste ormai migliaia di pazienti colpiti da patologie croniche.

Leggi: Il Sole 24 Ore, 13/11/2017


lunedì 13 novembre 2017
“ABITIAMOLA” – Newsletter n° 9/2017

Periodico di informazione ed approfondimento curato dall’Ufficio Politiche Abitative e dello Sviluppo Urbano, Area delle Politiche per lo Sviluppo, CGIL nazionale.
In questo numero:
■ Ogni anno il primo lunedì di ottobre viene celebrata la Giornata mondiale dell’habitat per riflettere sullo stato delle città e sul diritto delle persone di avere un alloggio adeguato. Tema per il 2017 “Politiche dell’alloggio: case accessibili”.
■ Nella Legge di Bilancio 2017 vengono individuate alcune misure per la casa rivolte all’abitazione di proprietà, senza investimenti strutturali e per le politiche abitative che continuano ad assumere un carattere marginale nelle scelte di Governo.
■ Circa 600mila studenti universitari si stabiliscono in altre città per proseguire il proprio percorso scolastico, affrontando spese al limite della sostenibilità, in un mercato caratterizzato da irregolarità, elusione ed evasione fiscale. La guida CGIL, SUNIA, UDU.
Studi e ricerche:
FPA, Rapporto annuale City Rate 2017
Legambiente, XVIII Ecosistema Scuola
Arcadis, Sustainable Cities Mobility Index 2017
Notizie dalle categorie e dalle associazioni:
FILLEA: Convegno FILLEA, Feneal, Filca “Legalità: una priorità per il settore delle costruzioni e per l’intero sistema Paese”
SUNIA: Legge di bilancio: per contrastare il disagio abitativo non basta la cedolare secca al 10% per i contratti concordati
Notizie dai territori:
Abruzzo: fondi per 4 progetti di sviluppo urbano; Emilia Romagna: Parma nel programma IUC; Emilia Romagna: contributi risparmio energetico in case popolari; Friuli Venezia Giulia: nuove soluzioni abitative anziani e disabili; Lombardia: progetto Derris a Varese; Veneto: pubblicata la legge di riforma delle Ater.

Leggi: Cgil, 13/11/2017


lunedì 13 novembre 2017
Stati Generali della Green Economy 2017 -Manifesto della Green Economy per l’architettura e l’urbanistica

Nell’ambito degli Stati Generali della Green Economy 2017, una sessione di approfondimento è stata dedicata al tema delle Green Cities in Italia, durante la quale è stato presentato il documento di approfondimento del Gruppo di lavoro “Policy dell’Architettura per la Green Economy nelle Città”, al quale ha partecipato anche la CGIL.

Leggi: Cgil, 13/11/2017


lunedì 13 novembre 2017
Home visiting contro i maltrattamenti, Cismai: “La prevenzione è più efficace”

Aiuto nella relazione, supporto emotivo e concreto, confronto sull’accudimento. Sono alcune delle dimensioni previste dalle Linee guida sull’home visiting presentate a Roma. Giordano: “Se tempestivo, riduce i casi di maltrattamento”. Cismai punta alla diffusione nei servizi pubblici, enti locali, regioni
Previsto dalle linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità come forma privilegiata di prevenzione dal maltrattamento verso i minori, l’home visiting è un intervento a sostegno della genitorialità. “Se si interviene presto, anche a fine gravidanza, nelle situazioni a rischio come nel caso di madri molto giovani, madri sole, coppie con problemi di dipendenze o in grande isolamento come nel caso di migranti, è possibile prevenire il maltrattamento nei confronti dei figli”, spiega Marianna Giordano di Cismai (Coordinamento italiano dei servizi contro il maltrattamento e l’abuso all’infanzia) che questa mattina, a Roma, ha presentato le Linee guida dell’home visiting

Leggi:  Redattore Sociale, 13/11/2017


lunedì 13 novembre 2017
Niente distacco per l’acqua o il gas

Il riformato articolo 63 delle disposizioni di attuazione al Codice civile, fra le altre cose, prevede che «…in caso di mora nel pagamento dei contributi che si sia protratta per un semestre, l’amministratore può sospendere il condomino moroso dalla fruizione dei servizi comuni suscettibili di godimento separato». Quest’ultima condizione, in particolare, presume che l’eventuale distacco si ripercuota soltanto sul condomino moroso, senza creare disagi al resto dei partecipanti. Per procedere, inoltre, è necessario che dal punto di vista strutturale l’impianto centralizzato preveda questa possibilità.
Se vi sono i presupposti tecnici e temporali (oltre sei mesi di morosità dalla chiusura dell’esercizio), senza il consenso dell’assemblea l’amministratore può quindi procedere alla sospensione del servizio, che riattiverà quando il condomino inadempiente avrà saldato il suo debito.

Leggi: Quotidiano del Condominio, Il Sole 24 Ore, 13/11/2017


domenica 12 novembre 2017
 Sentirsi soli fa male. Ma abbiamo gli anticorpi

La sensazione di solitudine è come un vero dolore fisico e proprio questo ci spinge a trovare il modo per difenderci, creando nuove reti di amicizie o recuperando quelle vecchie. Ogni età della vita ha però le sue esigenze. C’è anche chi ha bisogno d’aiuto per riattivare le proprie capacità relazionali
Tante seccature della vita quotidiana nascono dall’interazione con altre persone, ma uscire da queste rete di relazioni può portare a una situazione da tutti temuta: sentirsi soli.
E il sentimento di solitudine fa stare male e può farci persino ammalare, a dimostrazione di quanto la nostra natura sia profondamente sociale.
Una ricerca sugli effetti deleteri che la solitudine può avere sullo stato di salute è stata pubblicata da psichiatri e cardiologi tedeschi che hanno studiato oltre quindicimila persone, tra i 35 e i 74 anni, seguendole per cinque anni, durante i quali è stato tenuto sotto costante controllo il livello di salute psicofisica associato alla valutazione della presenza di un sentimento di solitudine. «La solitudine crea significativi rischi in termini di salute mentale, sia per quanto riguarda la depressione, sia per quanto concerne il livello di ansia», affermano i ricercatori tedeschi, guidati dal professor Manfred Beutel del Department of Psychosomatic Medicine and Psychotherapy della Johannes Gutenberg University di Mainz .

Leggi: Corriere della Sera, 12/11/2017


sabato 11 novembre 2017
Povertà e disagio, Roma “capitale” della crisi: cresce il malessere

Presentato il Rapporto della Caritas di Roma, che affronta alcune tra le maggiori emergenze sociali. Scattata una fotografia sempre più drammatica. Se l’Italia è in crisi, Roma ne è la capitale a tutti gli effetti: oltre il 45 % degli utenti dei centri di ascolto Caritas sono italiani. Migranti, in affanno il sistema di accoglienza
Un disagio sociale che si estende sempre più al centro città, la nascita di una classe di “nuovi poveri” e una ricchezza collettiva in caduta libera. Non è dei più rosei il quadro che emerge dal Rapporto della Caritas di Roma, presentato questa mattina nel corso dell’assemblea di inizio anno dei volontari dell’organismo diocesano e delle parrocchie, che affronta attraverso dati e testimonianze alcune tra le maggiori emergenze sociali della Capitale. Lo studio parte da alcuni dati nazionali e si sofferma poi sull’analisi della situazione sociale romana, approfondendo cinque dimensioni: “Povertà socioeconomica”; “Integrazione”; “Salute, dipendenze, disabilità”; “Educazione e cittadinanza”.

Leggi: Redattore Sociale, 11/11/2017


venerdì 10 novembre 2017
Legge di bilancio, Cgil: abolire subito super ticket
“Eliminare immediatamente i super ticket, una tassa ingiusta che limita l’accesso al servizio sanitario nazionale”. Così la segretaria confederale della Cgil Rossana Dettori.
“È tempo di passare dalle parole ai fatti – continua la sindacalista –: ricordiamo l’impegno preso dal ministro Lorenzin per rivedere il sistema, e le parole di ieri del viceministro Morando, in merito all’opportunità d’intervenire in questa direzione”.
Per la dirigente sindacale, “un rinvio sarebbe inaccettabile; si cancelli subito questo ulteriore aggravio per le tasche dei cittadini, che rende meno esigibili i Livelli essenziali di assistenza e mina il diritto alla salute”.

Leggi: Rassegna Sindacale, 10/11/2017


giovedì 9 novembre 2017
Periferie d’Europa, ecco dove nasce il senso di insicurezza dei cittadini

Da una indagine nei quartieri periferici di cinque città europee (Milano, Londra, Parigi, Budapest, Barcellona) emerge che i migranti, e tutti coloro che vivono ai margini della società (senza dimora, tossicodipendenti) rappresentano il peggiore incubo dei cittadini residenti, perché esprimono la precarietà e la fragilità umana
Non basta arrestare ladri e rapinatori per sentirsi più sicuri. Il senso di insicurezza e di paura di moltissime persone ha origini più profonde. Un gruppo di ricercatori italiani dell’Università Bicocca ed europei ha condotto uno studio in due quartieri di cinque città: Milano, Londra, Parigi, Budapest, Barcellona. A Milano, in particolare, hanno intervistato residenti nei quartieri di Rogoredo-Santa Giulia e Gratosoglio – Ticinello. E quel che hanno scoperto è, per certi versi, sotto gli occhi di tutti ogni giorno: ciò che ci rende insicuri, ciò che ci fa sentire in pericolo, è la trasformazione che sta avvenendo nei quartieri, nelle nostre strade. Non ci sentiamo più parte di una comunità. “Il materiale empirico raccolto nel corso della ricerca – scrivono gli studiosi -, ha messo ben in luce come nei quartieri delle città oggetto d’analisi i migranti, e tutti i soggetti che vivono ai margini della società (senza dimora, tossicodipendenti ecc.) rappresentino il peggiore incubo dei cittadini residenti, perché esprimono la precarietà e la fragilità della condizione umana.

Leggi: Redattore Sociale, 09/11/2017


giovedì 9 novembre 2017
Casa e Legge di bilancio: per contrastare il disagio abitativo non basta la cedolare secca al 10% per i contratti concordati.

Dichiarazione di Daniele Barbieri, Segretario generale del SUNIA
Il Disegno di Legge di Bilancio 2018, continua ad ignorare il gravissimo disagio abitativo cancellando per il terzo anno consecutivo il Fondo di sostegno all’affitto dopo aver ridotto di 13 milioni di euro il fondo 2017 per la morosità incolpevole. Nel frattempo continuano ad aumentare gli sfratti per morosità e le domande di case popolari senza risposte.
Non si può far finta di pensare che la conferma della cedolare secca al 10% per i contratti concordati sia sufficiente ad affrontare una situazione che rischia di finire fuori controllo. Almeno due misure sono indispensabili per attenuare il disagio ed avviare una politica abitativa in grado di dare una risposta alla domanda debole:
•    Un piano decennale di edilizia pubblica e sociale per dare risposte strutturali alla domanda di alloggi in affitto a canoni sostenibili
•    Un adeguato rifinanziamento del Fondo di sostegno all’affitto in grado di intervenire in via preventiva sulle difficoltà delle famiglie evitando di farle cadere in morosità.

Leggi: Sunia, 09/11/2017


mercoledì 8 novembre 2017
Anziani con demenza, famiglie e volontari: la coabitazione che funziona

Diventa un film l’esperienza di Ca’ Nostra, caso inedito di welfare sperimentato a Modena con il coordinamento del Csv. In un appartamento del comune, due sole assistenti sono supportate a turno dai familiari nella cura di tutte le donne accolte
La poltrona preferita, i quadri di una vita, le foto dei familiari incorniciate e anche l’amata macchina da cucire e il pianoforte. Entrando nell’appartamento si ha l’impressione di entrare nella casa, ordinata e accogliente, di alcune persone anziane, niente di più.
Invece, in via Matilde di Canossa in zona Buon Pastore a Modena, un quartiere residenziale non lontano dal centro cittadino, da maggio 2016 si sta sperimentando “Ca’ Nostra” (casa nostra in dialetto modenese), un caso di welfare innovativo praticamente inedito in Italia, anche se la sua formula è adottata con successo in molte realtà del nord Europa. Si tratta di un modello di coabitazione per anziani con problematiche legate a demenza o a deficit cognitivi, gestito dalle famiglie con il supporto di volontari e istituzioni, che coniuga la domiciliarità con la cura e il bisogno di socialità dell’ospite e dei familiari.

Leggi: Redattore Sociale, 08/11/2017


mercoledì 8 novembre 2017
La legge di bilancio? “Avvantaggia le riqualificazioni meno efficienti”

Come è ormai noto, la bozza di Legge di Bilancio 2018 presenta alcune novità per l’ecobonus. La più importante di queste ha, finora, suscitato poco clamore, sebbene avrà un effetto devastante, ma in negativo. Ci riferiamo alla possibilità di cedere il corrispondente credito per ogni tipo di intervento di efficientamento energetico e non, come succede ora, per i soli interventi sulle parti comuni dell’involucro.
La cessione del credito era stata introdotta appositamente per gli interventi “radicali”, che incontrano maggiori difficoltà nell’essere approvati e realizzati. Stupisce che, sebbene la bozza della SEN2017 riconosca la priorità nell’incentivazione della deep renovation, la bozza di Legge di Bilancio 2018 contraddica tutto ciò, offrendo medesime condizioni anche agli interventi meno efficienti ed efficaci.

Leggi: Quotidiano del Condominio, 08/11/2017


martedì 7 novembre 2017
Sanità. Troppi tagli nella legge di bilancio

Il fondo sanitario nazionale stabilito dalla legge di Bilancio si riduce di 500 milioni rispetto al passato. Ci si avvicina alla soglia pericolosa del 6,5% del Pil, quasi ai livelli della Grecia. Pericolosa perché, secondo l’Oms, corrisponderebbe a una riduzione dell’aspettativa di vita.
La denuncia arriva da Massimo Garavaglia della Conferenza delle Regioni che poco fa, nel corso dell’audizione in Senato sulla manovra, ha sottolineato come il fondo non sia assolutamente sufficiente a coprire i rinnovi contrattuali e, conseguentemente, inadeguato a garantire i livelli essenziali di assistenza.

Leggi: Liberetà, 07/11/2017


martedì 7 novembre 2017
 Il welfare familiare vale 109,3 miliardi di euro, il 6,5% del Pil. Ma mostra squilibri

I dati dell’Osservatorio sul bilancio di welfare delle famiglie italiane. Il welfare familiare è un’industria, ma dall’analisi risulta “urgente” la necessità di cambiamento determinata dalla “crescente fragilità sociale”. Infatti “è sempre più esteso il fenomeno di rinuncia alle prestazioni essenziali, soprattutto per le famiglie in condizioni di debolezza”
Il welfare familiare è un’industria che vale oggi 109,3 miliardi di euro, pari al 6,5% del Pil: si tratta di uno dei settori più importanti del nostro sistema produttivo, capace di trainare la crescita del Paese che “merita di essere considerato non come una spesa ma come una priorità della politica economica del governo e un’opportunità di investimento per le imprese dei servizi”. E’ quanto emerge dalla prima edizione dell’Osservatorio sul bilancio di welfare delle famiglie italiane, presentato oggi alla Camera dei Deputati dalla società MBS Consulting.

Leggi: Redattore Sociale, 07/11/2017


martedì 7 novembre 2017
Welfare. La spesa più alta delle famiglie è per la salute: 33,7 miliardi

Prima edizione dell’Osservatorio sul bilancio di welfare delle famiglie italiane. Quasi tutte le famiglie (25,2 milioni) hanno ogni anno una pur minima spesa sanitaria (importo medio di 1.336 euro per nucleo). La seconda voce è quella dei supporti al lavoro (31,2 miliardi). L’istruzione dei figli costa 15 miliardi, l’assistenza costa 14,4 miliardi
La spesa più rilevante delle famiglie italiane, 33,7 miliardi, è sostenuta per la salute. Pressoché tutte (25,2 milioni) hanno ogni anno una pur minima spesa sanitaria, e l’importo medio è di 1.336 euro per nucleo. E’ quanto emerge dalla prima edizione dell’Osservatorio sul bilancio di welfare delle famiglie italiane, presentato oggi alla Camera dei Deputati dalla società Mbs Consulting, una delle principali società italiane indipendenti di consulenza aziendale che da oltre trent’anni opera nei settori assicurativo, bancario e industriale, alla presenza dei principali partiti politici, accademici e rappresentanti del mondo delle imprese.

Leggi:  Redattore Sociale, 07/11/2017


DALLE REGIONI:

lunedì 13 novembre 2017

Milano. PAT. Accordo Sindacati inquilini-Pio Albergo Trivulzio sul rinnovo dei contratti di locazione negli stabili di proprietà dell’ente. ‘Risultato importante e tutt’altro che scontato’

Al termine di una lunga e non facile trattativa è stato firmato un Protocollo di Intesa tra l’ASP Istitituti Milanesi Martinitt e Stelline e Pio Albergo Trivulzio ed i sindacati inquilini (Sunia, Sicet, Unione Inquilini e Conia), per il rinnovo di circa 320 contratti di locazione di inquilini che abitano negli stabili dell’Ente. Lo comunicano i sindacati inquilini Sunia, Sicet, Unione Inquilini e Conia.
‘Questo accordo – spiegano i sindacati – pur prevedendo in molti casi aumenti sui canoni attualmente in essere, permette di mantenere un canone sopportabile e molto inferiore ai valori di mercato per la gran parte degli inquilini; rende più razionale ed equo il regime dei canoni; contempera le esigenze di redditività dell’Ente con quella di salvaguardare un inquilinato a reddito medio basso, nella maggior parte dei casi entrato nelle case a seguito di sfratto per finita locazione da case private’.

Leggi: Sunia, 13/11/2017


mercoledì 8 novembre 2017
Basilicata. La Regione dice sì alla proposta di legge su Invecchiamento attivo

È la sesta Regione a dotarsi di un provvedimento per favorire la buona vecchiaia. Spi Cgil, Fnp Cisl, Uilp Uil Basilicata: «Un risultato importante che rivoluzionerà il welfare e la contrattazione sociale in Basilicata».
Nelle società in cui l’invecchiamento della popolazione ha stravolto le logiche demografiche che per migliaia di anni hanno accompagnato l’umanità, il tema è: come si fa a costruire una vita lunga, accorciando il più possibile gli anni della sofferenza?
In Europa la risposta si chiama invecchiamento attivo. Il termine fu coniato nel 2012, in occasione dell’anno europeo “della solidarietà intergenerazionale”. Molti paesi hanno afferrato la portata del fenomeno. E da noi?
In Italia sono le Regioni a legiferare per prime, ma lo fanno senza il riferimento di una legge nazionale, ancora ferma in Parlamento in attesa di approvazione.
Ieri è stata la volta della Regione Basilicata. Il consiglio regionale ha votato infatti all’unanimità la proposta di legge riguardante la “Promozione e valorizzazione dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra generazioni”.

Leggi: Liberetà, 08/11/2017


mercoledì 8 novembre 2017
Treviso. Locazioni: sottoscritto, presso il Comune di Treviso, l’accordo territoriale tra le associazioni della proprietà edilizia e degli inquilini, per la stipula dei contratti di locazione ad uso abitativo a canone concordato.

Le organizzazioni della proprietà edilizia e degli inquilini, maggiormente rappresentative nella Provincia di Treviso, hanno rivisto ed aggiornato l’accordo territoriale per il Comune di Treviso, necessario per la stipula dei contratti di locazione ad uso abitativo a canone concordato, in applicazione delle norme di cui al decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti del 16 gennaio 2017, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 15 marzo 2017, che ha rinnovato la normativa relativa a tale tipologia di contratti.

Leggi:  Sunia, 08/11/2017


IN AGENDA:

Bologna 30 novembre – 2 dicembre – Tecnologia e disabilità, a novembre torna “Handimatica”

Si tratterà dell’XI edizione dell’appuntamento promosso dalla Fondazione Asphi. “In questo contesto di ‘innovazione istituzionale’, con cambiamenti molto significativi che interessano il mondo della disabilità, è sempre più fondamentale interrogarsi sul ruolo delle tecnologie”
Handimatica, la principale mostra-convegno nazionale su tecnologia e disabilità, ci sarà nel 2017, dal 30 novembre al 2 dicembre presso l’Istituto Aldini Valeriani Sirani, Via Bassanelli 9, Bologna.

Leggi: Redattore Sociale


IN EVIDENZA:

Influenza, parte la campagna di vaccinazione 2017 -2018
Da metà ottobre a fine dicembre è il periodo più indicato per effettuare la vaccinazione antinfluenzale, per la situazione climatica del nostro Paese e per l’andamento temporale mostrato dalle epidemie influenzali.
La vaccinazione rappresenta un mezzo efficace e sicuro per prevenire la malattia e le sue complicanze.
L’avvio della campagna non è uniforme sul territorio nazionale e dipende, in genere, dal momento in cui il vaccino viene reso disponibile alle singole Asl. Anche le modalità di distribuzione e somministrazione dei vaccini possono essere diverse e coinvolgono una pluralità di attori (Servizi di vaccinazione dei Dipartimenti di Prevenzione delle ASL, Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta).
Come affermato nella Circolare ministeriale 31 luglio 2017 “Prevenzione e controllo dell’influenza- raccomandazioni per la stagione 2017-2018”, obiettivi della campagna vaccinale stagionale sono:
–    la riduzione del rischio individuale di malattia, ospedalizzazione e morte
–    la riduzione dei costi sociali connessi con morbosità e mortalità.

Leggi:  Ministero della Salute


Prestazioni familiari alle Unioni civili

Le istruzioni dell’Inps
A partire dal 5 giugno prossimo, alle coppie omossessuali che abbiano contratto una Unione civile spettano gli assegni familiari, quelli al nucleo familiare e il congedo matrimoniale, al pari di quanto previsto per i coniugi. E’ quanto precisa l’Inps nella circolare n. 84 del 5 maggio scorso, con la quale l’Istituto fornisce i chiarimenti necessari alla luce delle novità introdotte dalla legge n. 76 del 2016 sulle Unioni civili.
Analizzando alcune situazioni tipo, l’Istituto precisa che nei casi in cui in una Unione Civile, solo un componente risulti essere lavoratore dipendente o titolare di prestazione previdenziale, al pari del diritto riconosciuto nell’ambito del matrimonio, devono essere riconosciute le prestazioni familiari per la parte dell’unione civile priva di posizione tutelata.

Leggi: Inca


SEGNALAZIONI:

 Prorogata fino al 31 dicembre 2017 “Facile Smart”, la convenzione Auser-Saiet per lo smartphone a misura di anziano

E’ valida fino al 31 dicembre 2017 la convenzione fra Auser e Saiet per l’acquisto a   prezzo scontato riservato ai soci Auser,  di “Facile Smart”, l’unico smartphone con tastiera telefonica dedicato ad un’utenza senior.
La convenzione prevede uno sconto di 10 euro sull’acquisto del telefono per tutti i tesserati che si recheranno presso un Saiet Point: un prezzo quindi di €129,00 anziché €139,00. La differenza verrà successivamente rimborsata al Rivenditore direttamente da Saiet o attraverso il Distributore Ufficiale.
Per informazioni: SAIET Telecomunicazioni  – Tel. 051.706711 – sales@saiet.it  – www.saiet.it

Leggi:  Auser


Lavoro domestico

L’invecchiamento della popolazione e l’ingresso di molte donne nel mercato del lavoro hanno determinato, negli ultimi anni, una crescente domanda di servizi di collaborazione domestica da parte delle famiglie italiane. Si tratta di un fenomeno cresciuto enormemente nell’ultimo decennio per far fronte ad una generalizzata diminuzione dell’erogazione dei servizi alla famiglia da parte delle istituzioni pubbliche. Allo stesso tempo, si tratta di un mercato poco istituzionalizzato, in cui l’incontro tra domanda e offerta e la contrattazione sono quasi sempre gestiti dalle singole famiglie.
Lo studio, realizzato dalla Fondazione Leone Moressa con DOMINA (Associazione Nazionale Famiglie Datori di Lavoro Domestico, firmataria del CCNL sulla disciplina del lavoro domestico), ha l’obiettivo di mettere in evidenza il ruolo del lavoro domestico in Italia, dal punto di vista delle famiglie italiane, sottolineandone l’impatto sociale e quantificando il valore economico generato. Lo studio è suddiviso in 9 dossier, pubblicati tra marzo e ottobre 2017.

Leggi: Fondazione Leone Moressa


Anziani e casa di abitazione, studio della fondazione CARIPLO

Anziani con abitazioni di valore e reddito basso. E’ questa una nuova contraddizione che si sta palesando nell’arcipelago della «disuguaglianza italiana»: sono circa 1,3 milioni i nuclei di anziani che dispongono di un reddito inferiore a 20 mila euro l’anno e però possiedono una casa che ne vale almeno 200 mila. Ancora più alta è la percentuale di anziani (21%) che abitano in casa di proprietà e hanno una capacità di risparmio basso o nullo. L’argomento è stato approfondito dal professor Luca Beltrametti che ha preparato un apposito studio («House rich, cash poor») per la Fondazione Cariplo con l’obiettivo di favorire una riflessione sulla ricchezza immobiliare (statica) degli anziani e su come possa essere messa in circolo. Sia per sostenere il reddito e le spese sanitarie dei legittimi proprietari sia per favorire figli e nipoti al tempo giusto e non solamente dopo, ovvero sotto forma di eredità a seguito della scomparsa di genitori e progenitori. Lo studio  è stato  presentato a Milano  il 2 ottobre in occasione della festa dei nonni.
Per info: www.fondazionecariplo.it

Leggi: Auser


Servizi e sportelli social(i)

Dal 21 agosto è online la nuova pagina facebook “Servizi e sportelli sociali – Comune di Bologna”, consultabile liberamente (anche senza alcun login, non serve avere un proprio profilo) a questo indirizzo.
La pagina si pone in primo luogo l’obiettivo di rafforzare la comunicazione rivolta ai cittadini, facendo circolare maggiormente notizie e informazioni utili e raggiungendo con più facilità anche tutti quegli utenti che accedono a internet prevalentemente o solo attraverso dispositivi mobili (e sono ormai la maggioranza di chi naviga in internet), dando risposta con maggiore immediatezza anche ad eventuali quesiti, dubbi e domande. Ma  vuole essere anche un luogo per raccontare attraverso piccole photogallery e post, le attività dei servizi sociali territoriali e degli altri servizi di varia natura a valenza sociale per valorizzarli e favorire l’incontro con i cittadini e lo scambio tra operatori.

Leggi: Comune di Bologna


NEWS:

lunedì 6 novembre 2017
Detrazione fiscale ascensore condominiale: anche senza delibera

Se un singolo condomino fa installare un ascensore senza delibera assembleare ha comunque diritto alle detrazioni fiscali? Al quesito, posto da un contribuente alla rubrica Fisco Oggi, l’Agenzia delle entrate risponde in modo affermativo. Vediamo quindi a quali condizioni è possibile fruire della detrazione fiscale per ristrutturazioni e con quale procedura.
Detrazione fiscale ascensore condominiale senza delibera
L’Agenzia delle entrate ricorda che l’installazione di un ascensore è compresa tra gli interventi che danno diritto alle detrazioni fiscali per ristrutturazione, e in particolare per recupero del patrimonio edilizio.
Se l’intervento è stato effettuato da un singolo condomino, quest’ultimo avrà diritto alle agevolazioni fiscali per installazione ascensore anche in assenza della delibera assembleare, purché i lavori siano stati autorizzati dal Comune. La detrazione del 50% non si applicherà all’intero importo di spesa, ma solo alla quota a lui riferibile sulla base dei millesimali.

Leggi: Progedil90, 06/11/2017


lunedì 6 novembre 2017
Cgil: sulle pensioni c’è il vuoto pneumatico

Il segretario Susanna Camusso in audizione alle commissioni Bilancio di Camera e Senato. “Sentiero stretto nel solco dell’austerità, non è ciò che serve al Paese”, afferma la confederazione nel documento consegnato in Parlamento
Sul capitolo pensioni “c’è il vuoto pneumatico, nonostante gli impegni sottoscritti un anno fa dal governo sulla fase 2”. Lo afferma il segretario generale della Cgil Susanna Camusso in audizione alle commissioni Bilancio di Camera e Senato. A suo giudizio “bisogna intervenire prima che scatti l’innalzamento automatico dell’età, con un provvedimento di legge che lo eviti” e poi avere anche “uno sguardo verso il futuro” per facilitare i giovani e le donne. In generale, le risorse messe in campo nella manovra per investimenti e sviluppo “sono sicuramente poche, e l’assenza di un quadro di riferimenti non è nemmeno compensata da qualificatissime scelte sul piano sociale e del rapporto con il Paese”.

Leggi: Rassegna Sindacale, 06/11/2017


sabato 4 novembre 2017
Ascensori, l’anziano «batte» il vincolo

Sarà più facile installare ascensori su beni immobili vincolati, applicando la sentenza del Consiglio di Stato 18 ottobre 2017 n. 4824, emessa per un palazzo sito nel pieno centro storico di Roma.
La Soprintendenza aveva negato la possibilità di installare un ascensore non visibile dalla pubblica strada, e inoltre eccepiva che nel manufatto non risiedesse un disabile. Il Consiglio di Stato ha annullato il provvedimento della Soprintendenza, equiparando persone anziane e disabili, allineandosi al ragionamento della Corte di cassazione (7938 / 2017).
Anche se la legge 13 del 1989 sull’eliminazione delle barriere architettoniche non fa cenno alle
persone anziane, secondo i giudici queste ultime, pur non essendo portatrici di disabilità vere e
proprie, hanno comunque disagi fisici e difficoltà motorie.
In conseguenza, sono identici i “diritti fondamentali” dei disabili e delle persone anziane, ed
identiche devono quindi essere le garanzie di accesso.

Leggi: Quotidiano del Condominio, Il Sole 24 Ore, 04/11/2017


sabato 4 novembre 2017
Un dispositivo Gps a sostegno dei malati con patologie senili

Quando alle cure si affianca la tecnologia: la Casa di Riposo Città di Asti aggiunge un nuovo tassello per garantire assistenza agli ospiti. La struttura di via Bocca ha scelto un servizio in grado di monitorare gli spostamenti delle persone affette da demenza: “Trovami” è un dispositivo portatile, con localizzatore gps che trasmette in tempo reale la posizione della persona assistita, movimenti e percorso. Il progetto è stato presentato dal direttore Laura Panelli, il commissario Carlo Camisola, il direttore sanitario Lucia Kingly, il responsabile socio-educativo Ljuba Grandinetti. Presenti il sindaco Rasero e il consigliere regionale Angela Motta. A illustrare gli aspetti tecnici Roberto Guardigli della “Tomware” che ha progettato “Trovami”.

Leggi: La Stampa, 04/11/2017


venerdì 3 novembre 2017
E’ anziano e malato ma per fare l’holter deve aspettare un anno

L’Asl di Rieti si scusa col paziente
Problemi di cuore? A Rieti non si può fare nulla, rivolgersi altrove. Non è il cartello esposto da un’agenzia matrimoniale ma, più seriamente, quello che si è sentito rispondere implicitamente un paziente reatino con problemi cardiaci.
Da due settimane è in attesa – senza successo – di essere chiamato per un controllo legato a problemi di angina pectoris, mentre per l’holter si è sentito rispondere che il primo esame è disponibile a novembre. Del 2018, ovviamente. Ovvero fra un anno. Un caso denunciato a Il Messaggero e che riapre l’antica ferita delle liste d’attesa interminabili alla Asl di Rieti: esami disponibili solo dopo molti mesi o, in alcuni casi, non prenotabili dal sistema perché il primo appuntamento va oltre l’anno. E così chi sta male è costretto a «pazientare», nella speranza che non accada nulla di grave, oppure a rivolgersi a strutture private pagando di tasca propria.

Leggi: Il Messaggero, 03/11/2017


venerdì 3 novembre 2017
Cade e muore Indagate le due infermiere

“Avevamo messo il lenzuolo attorno all’addome del paziente, l’avevamo assicurato, così come facciamo sempre: è la nostra prassi; per noi era sotto controllo, peraltro abbiano seguito il protocollo alla lettera”. È il racconto-difesa, reso al magistrato, da parte di due infermiere professionali dell’azienda ospedaliera ed universitaria San Martino, indagate per la morte di un anziano di 86 anni, Franco Ernesto A., caduto dal letto e deceduto qualche giorno dopo. Entrambe le donne sono chiamate a rispondere dei reati di omicidio colposo, in particolare “in rapporto di casualità per la commissione dell’evento distrattivo di cui erano a conoscenza”. Reati per i quali negli scorsi giorni il PM Stefano Puppo, dopo aver chiuso le indagini, ne ha chiesto il processo.

Leggi: La Repubblica, 03/11/2017


giovedì 2 novembre 2017
 Installazione ascensore in condominio, bonus 50% anche senza delibera dell’assemblea

Agenzia delle Entrate: le spese sostenute da un singolo condomino sono detraibili in base ai valori della tabella millesimale
Le spese sostenute da un singolo condomino per l’installazione di un ascensore in un condominio, per l’eliminazione delle barriere architettoniche, sono detraibili anche in mancanza della delibera dell’assemblea.
A chiarirlo Fisco Oggi, la rivista telematica dell’Agenzia delle Entrate, in risposta al quesito di un contribuente.
Fisco Oggi ricorda che nel novero degli interventi che danno diritto alla detrazione Irpef per recupero del patrimonio edilizio rientrano anche quelli finalizzati alla eliminazione delle barriere architettoniche, aventi a oggetto ascensori e montacarichi.
Di conseguenza, i costi di installazione di un ascensore in un condominio, sostenuti per intero da un singolo condomino, sono detraibili anche se i lavori non sono stati deliberati dall’assemblea, ma sono stati autorizzati dal Comune.

Leggi: Edilportale, 02/11/2017


giovedì 2 novembre 2017
Sostenibilità urbana, Legambiente: sul podio Mantova, Trento e Bolzano

Presentato il Rapporto Ecosistema Urbano 2017: puntare su mobilità dolce, rigenerazione urbana, rinnovabili e riciclo
Come se la cavano le città capoluogo italiane sul fronte della mobilità sostenibile, contenimento dei consumi idrici contenuti, investimenti in rinnovabili e rigenerazione e rifunzionalizzazione degli spazi pubblici?
La risposta è contenuta nel Rapporto Ecosistema Urbano 2017 di Legambiente, l’annuale rapporto sulle performance ambientali delle città capoluogo realizzato con il contributo scientifico dell’Istituto di Ricerche Ambiente Italia e la collaborazione editoriale de Il Sole 24 Ore, presentato lo scorso 30 ottobre a Milano.
Performance ambientali: la classifica
Il Rapporto Ecosistema Urbano assegna il punteggio sulla base dei risultati qualitativi nei 16 indicatori considerati dal rapporto che coprono sei principali tematiche: aria, acqua, rifiuti, mobilità, ambiente urbano, energia.

Leggi: Edilportale, 02/11/2017


giovedì 2 novembre 2017
Francia, con l progetto “Velleir sur mes prents” i postini diventano badanti

Si può scegliere tra una, due, quattro o sei visite alla settimana: si parte da 19,90 euro e si può arrivare a una spesa massima di 139,90 euro al mese, con un credito d’imposta del 50%. È il nuovo servizio della Posta francese «Veiller sur mes parents», occuparsi dei miei genitori, che con un colpo di bacchetta trasforma i postini in assistenti familiari. Il programma, al quale a fine agosto avevano aderito 2.000 anziani, dopo una fase di sperimentazione è ora operativo su scala nazionale: ben 40mila portalettere su un totale di 73mila in servizio hanno seguito un corso di formazione online curato dal “Gérontopole des Pays de la Loire”. La Posta ha diffuso alcuni spot, in cui si vedono gioviali portalettere sorseggiare il caffè accanto ad anziani sorridenti o conversare con loro. Ma in realtà – e questo è un punto assai criticato dai sindacati dei postini francesi – le visite a domicilio secondo il regolamento devono durare 6 minuti, sono svolte nel normale orario di lavoro e non comportano un supplemento di paga…

Leffi: Auser, 02/11/2017


mercoledì 1 novembre 2017
 Medicina del futuro/Così la tecnologia digitale trasformerà l’assistenza sanitaria

«Non abbiamo la robotica del San Raffaele, ma dobbiamo pur guardare avanti…» Con una battuta la dottoressa Maria Paola Gemmiti sintetizza le premesse del Congresso «Ciociaria Cuore 2017» incontro di esperti sul futuro della cardiologia in provincia e nel Lazio, che si terrà domani e sabato a Ferentino (Hotel Bassetto). Si potrà, a breve, monitorare costantemente un cardiopatico “a distanza”? Si potranno trasmettere, attraverso i sistemi informatici, i dati di un paziente per mettere a punto la terapia? I monitoraggi hi-tech riusciranno a favorire la prevenzione?
Questi e tanti altri interrogativi troveranno una risposta nel Congresso giunto alla sua 12^ edizione. Dunque, non solo «medicina pura» (si parlerà anche dei farmaci e delle nuove terapie) ma anche, e soprattutto, innovazione.

Leggi: Il Messaggero, 01/11/2017


mercoledì 1 novembre 2017
 Il certaldese Renato Campinoti nuovo presidente di Auser Abitare Solidale

Abitare Solidale è un progetto nato nel 2008 da Auser come espressione di un approccio innovativo ai temi della domiciliarità degli anziani, grazie a partner istituzionali tra cui il Comune di Firenze, Sesto Fiorentino, Bagno a Ripoli, Scandicci, Impruneta, Cascina, Monsummano Terme, San Giovanni Valdarno, Cecina, Rosignano, Donoratico e ad una rete di associazioni tra cui Artemisia. Tra i progetti avviati da Abitare Solidale ci sono le “coabitazioni” 289 nel territorio toscano di cui l’82% nella Città metropolitana di Firenze; 578 singoli o nuclei coinvolti per un totale di 613 persone beneficiate. Tra le coabitazioni c’è il Chiostro di San Francesco con 3 ospiti. Altro progetto è “La buona casa” con 4 ospiti soggetti con alta marginalità; i Condimini solidali 2 attivati a Firenze e Castelfranco di Sotto con 18 ospiti; 3 condomini in fase di attivazione (Empoli, Campi Bisenzio, Colle Val d’Elsa, Firenze) ospiti potenziali 54. La Stanza solidale che prevede 3 condivisioni abitative dove sono coinvolti 6 nuclei per un totale di 18 persone e LabHouse 3 condivisioni abitative per 5 nuclei coinvolti per un totale di 7 persone.

Leggi: Go News, 01/11/2017


mercoledì 1 novembre 2017
Anziani, il 20% dei ricoveri è per eccesso di pillole

Due farmaci in più prescritti ogni volta, spesso inutili o dannosi. Ed entro 3 mesi, 1 persona su 5 torna in ospedale per questo motivo
SI CONTANO più di 5 milioni di ricoveri l’anno nella fascia d’età over 65 e di questi, oltre 1,5 milioni sono riospedalizzazioni dovute all’eccesso di farmaci o reazioni avverse. Sì, proprio così, spesso si tratta di ‘ricoveri per eccesso di pillole’. Un effetto domino che ha inizio quando l’anziano esce dall’ospedale, ritrovandosi con uno o due farmaci che si vanno ad aggiungere ai 4 o 5 già assunti abitualmente. Il numero delle terapie inizia ad avere così un certo peso e, qualche volta, il mix di farmaci assunti comporta delle reazioni avverse. A discutere di questo problema è stata la Società italiana di medicina interna (Simi), riunita recentemente per il Congresso nazionale.

Leggi: La Repubblica, 01/11/2017


martedì 31 ottobre 2017
Immigrati e case popolari: i numeri contro i miti

Nelle graduatorie per le case popolari gli stranieri sono spesso ai primi posti. Perché hanno redditi nettamente inferiori agli italiani e perché molte famiglie italiane hanno già una casa di proprietà. Ben diversi i numeri delle reali assegnazioni.
Politiche abitative in Italia
Il fenomeno migratorio è ovunque accompagnato da timori sulla equa distribuzione dei servizi di welfare. In Italia uno dei più sentiti riguarda l’assegnazione delle case popolari, sia per la forte visibilità a livello locale, sia perché il patrimonio immobiliare pubblico del nostro paese è scarso.
Le assegnazioni sono di competenza dei singoli comuni e si basano soprattutto su criteri di reddito, prendendo però in considerazione anche gli eventuali elementi di disagio sociale nei nuclei familiari (come presenza di anziani, disabili, genitori separati con figli). È una realtà frammentata che rende difficile ottenere dati complessivi a livello nazionale. Dati ufficiali di Federcasa (2014) indicano 770mila alloggi in locazione, più 50mila a riscatto e 108mila alloggi non residenziali in locazione.

Leggi: La Voce, 31/10/2017


martedì 31 ottobre 2017
 Sanità, relazione medico-paziente in crisi: in 8 casi su 10 poca empatia

I dati del Tribunale per i diritti del malato. Una persona su 3 trova nel medico scarsa disponibilità a orientarla; una su 4 si confronta con un linguaggio poco comprensibile e una su 5 ha vissuto scarsa attenzione al dolore. Dall’altra, 1 medico su 3 ritiene inadeguato il tempo a disposizione
La relazione tra medico e paziente è in difficoltà. Da una parte, in circa 8 casi su 10, i cittadini segnalano poca sensibilità’ nell’ascolto o poca empatia; una persona su 3 trova nel medico scarsa disponibilità a orientarla tra i servizi; una su 4 si confronta con un linguaggio troppo tecnico e poco comprensibile e una su 5 ha vissuto scarsa attenzione al dolore. Dall’altra, circa 1 medico su 3 ritiene insufficiente o inadeguato il tempo a disposizione per la cura; in ugual proporzione riscontra difficoltà per mancanza di personale e in 1 caso su 5 per cattiva organizzazione dei servizi. In aggiunta, non esiste ancora nel percorso di laurea del medico una formazione specifica sui temi della comunicazione e relazione. È quanto emerge dai dati in possesso di Cittadinanzattiva.

Leggi: Redattore Sociale, 31/10/2017


NEWS:

lunedì 30 ottobre 2017
Ora il Piano per la Non Autosufficienza è previsto per legge

“Finalmente la definizione del Piano Nazionale per la Non Autosufficienza è prevista per legge e in questo modo il nuovo Governo non potrà, per nessuna ragione, tergiversare e dovrà procedere con la redazione del Piano stesso, uniformando il trattamento dei gravissimi non autosufficienti di tutta Italia, senza le disparità che oggi esistono, a seconda della Regione in cui si risiede». Così, l’Associazione Comitato 16 novembre commenta un articolo del recente Decreto Legislativo sul contrasto alla povertà, che fissa appunto l’elaborazione di un Piano Nazionale per la Non Autosufficienza.

Leggi: Superando, 30/10/2017


lunedì 30 ottobre 2017
Ecosistema urbano 2017, ecco le pagelle verdi delle città italiane

Il 24° rapporto Ecosistema urbano di Legambiente e Ambiente Italia, basato prevalentemente su dati del 2016, incorona la città di Mantova come regina dell’ambiente, seguita subito dopo dall’accoppiata Trento-Bolzano, di poco davanti a Parma. L’indagine si basa su 16 parametri divisi nelle macroaree Aria, Acqua, Rifiuti, Energie rinnovabili, Mobilità e Ambiente urbano. Il confronto avviene sulla base degli indicatori rimasti immutati, mentre è più difficile comparare i punteggi, influenzati non solo dai parametri nuovi, ma dalla introduzione di una serie di bonus: è questa la vera novità dell’edizione di quest’anno, in cui è stato assegnato un carico addizionale alle realtà che si sono messe in luce, anche grazie a politiche innovative, nel recupero e nella gestione delle acque, nella gestione dei rifiuti, nell’efficienza della gestione del trasporto pubblico e in quella che viene definita la mobilità nuova, legata all’alto tasso di spostamenti in bicicletta e alla riduzione degli spostamenti in auto.

Leggi: Il Sole 24 Ore, 30/10/2017


sabato 28 ottobre 2017
Longevi e in forma

L’esercizio fisico è una vera e propria terapia da personalizzare e seguire
Invecchiare bene, senza malattie e disabilità, sta diventando una sfida cruciale a livello planetario, che interessa un numero crescente di persone e si pone come obiettivo dalle importanti ricadute economiche e sociali. Basti pensare che nel 2000 gli over 60 nel mondo erano 600 milioni, mentre saranno 1,2 miliardi nel 2025 e 2 miliardi nel 2050. Ma i problemi da affrontare in termini di salute sono molti: secondo i dati Istat in Italia un anziano su quattro presenta una malattia cronica, il 23,7% ha più di una patologia che assorbe il 55% delle visite dal medico generico mentre gli over 65 con disabilità sono due milioni e mezzo. La scienza, tuttavia, rivela che mantenere l’autosufficienza, libera da malattie nella terza, quarta o addirittura quinta età non è una chimera, bensì un traguardo raggiungibile attraverso precise strategie di prevenzione.

Leggi: Milano Finanza, 28/10/2017


venerdì 27 ottobre 2017
Isee, la compilazione presso i Caf resta gratuita

Soddisfazione da parte della Consulta nazionale dei centri di assistenza fiscale: “Un risultato ottenuto con tenacia, ora operiamo perché anche il Governo, nella prossima legge di bilancio 2018, scelga di attuare una copertura economica adeguata”
“Un passo in avanti è stato realizzato, ora intendiamo terminare il percorso”: è questo il commento di Massimo Bagnoli e Mauro Soldini, coordinatori della Consulta Nazionale dei Caf, a qualche ora dalla discussione che ha riunito a Roma i componenti l’Assemblea che rappresenta oltre 40 strutture nazionali e 20 mila dipendenti dei Caf italiani. Dalla riunione è emerso che i cittadini potranno rivolgersi ancora ai Caf per la compilazione delle dichiarazioni utili al rilascio dell’Isee senza pagare il servizio. “Un risultato ottenuto con tenacia. Abbiamo privilegiato l’attenzione, che è doverosa, verso le fasce più deboli – dichiarano Bagnoli e Soldini – garantendo sempre le nostre prestazioni. Ora operiamo perché anche il Governo, nella prossima legge di bilancio 2018, scelga di attuare una copertura economica adeguata”.

Leggi: Rassegna Sindacale, 27/10/2017


venerdì 27 ottobre 2017
Attenzione alla bolletta elettrica? É cambiato il modo di comporla: non consumo e pago di più.

Meno tasse per pochi con privilegi e favoritismi pagati dalle famiglie
Mentre i comuni cittadini sono tartassati da una pressione fiscale aggravata dagli effetti della crisi finanziaria e dai disastri bancari, le grandi aziende multinazionali continuano ad approfittare di leggi di straordinario favore che consentono di minimizzare, se non azzerare il peso della gestione e delle imposte.
Caso emblematico è il “mercato libero dell’energia” che si può esercitare solo sulla voce di costo “energia consumata” che attualmente (dal 1 gennaio 2017) equivale ad una percentuale variabile dal 10 al 40% dei costi indicati in bolletta.
Tutti costi aggiuntivi e fissi sono posti a carico dei clienti finali delle utenze domestiche con le conseguenze che, questa, è gravata da costi che non dipendono dalla energia effettivamente consumata, provocando anche la lievitazione della componente fiscale (IVA-Tassa su tassa)

Leggi: Sunia, 27/10/2017


giovedì 26 ottobre 2017
Pensioni: Gentiloni convoca sindacati il 2 novembre

Il premier Paolo Gentiloni ha convocato i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil il 2 novembre a Palazzo Chigi per parlare di legge di bilancio, pensioni e mercato del lavoro. Un incontro chiesto dagli stessi sindacati che intanto hanno avviato la campagna di mobilitazione mediante assemblee in tutti i luoghi di lavoro, sia per confrontarsi con lavoratori e pensionati sia per sostenere la piattaforma unitaria del 20 settembre scorso.

Leggi: Rassegna Sindacale, 26/10/2017


mercoledì 25 ottobre 2017
Rivalutazione pensioni. Arriva la sentenza della Consulta

La Consulta ha appena dato il via libera al bonus sulle perequazioni pensionistiche, ovvero il meccanismo Poletti che aveva restituito solo in parte gli adeguamenti delle pensioni all’inflazione, congelati dalla legge Fornero.
La Corte Costituzionale ha respinto i rilievi di incostituzionalità poiché ha ritenuto che il bonus abbia realizzato un bilanciamento non irragionevole tra i diritti dei pensionati e le esigenze della finanza pubblica. Resta aperto il problema di definire al più presto un nuovo sistema di rivalutazione che sostenga il potere d’acquisto dei pensionati. A chiederlo immediatamente sono i pensionati della Cgil che prendono atto della sentenza ma si chiedono quando verrà realmente affrontato il problema dei redditi dei pensionati, che in questi anni hanno perso potere d’acquisto e non sono mai stati adeguatamente rivalutati.

Leggi: Liberetà, 25/10/2017


mercoledì 25 ottobre 2017
“Anziani legati ai letti Ora basta” L’Ausl ci prova

Sabato al Rizzoli summit contro la contenzione nelle case di cura
L’anziano Mario oggi non c’è più, ma tanti ricordano la sua storia. Si svegliava di notte, agitato e nervoso. Per una vita aveva fatto il fornaio e da vecchio, ospite di una casa protetta, la sua mente lo riportava a momenti lontani, il suo corpo sembrava quasi voler riprendere abitudini ormai impossibili. Poi l’idea: ogni notte, quando si sveglia, a Mario viene dato un impasto che lui può lavorare con le mani. Diventa più sereno e dopo un po’ torna a dormire. Non c’è stato bisogno di legarlo al letto o di dargli dei sonniferi. Non è servita la contenzione. A questo aspetto della cura l’Ausl dedica un convegno sabato alle 15 al Rizzoli.

Leggi: La Repubblica, 25/10/2017


mercoledì 25 ottobre 2017
Se Villa Serena costa 2.000 euro al mese

L’86 per cento delle residenze per anziani è privata. Carissime le rette
Un salasso che sfiora i 2mila euro al mese. È questo l’ammontare medio di una retta in una residenza per anziani secondo un’indagine dell’osservatorio nazionale dello Spi, il sindacato pensionati della Cgil.
In particolare, su 4mila strutture analizzate in tutta Italia è emerso che solo il 14% è pubblico e gestito direttamente dai Comuni, dalle Asl o da altri enti statali, mentre il restante 86% fa capo a privati, enti religiosi, Onlus, Fondazioni e cooperative. Le strutture, infine, sono principalmente di medio-piccola dimensione. Oltre l’80% infatti non ha più di 100 posti letto (il 10% fino a 20, il 33% ne ha tra i 20 e i 50, il 38% tra i 50 e i 100). Solo il 19% ha oltre 100 posti letto.

Leggi: Il Giornale, 25/10/2017


mercoledì 25 ottobre 2017
Ecco come si blocca l’età pensionabile

É di ieri la notizia dell’innalzamento dell’aspettativa di vita e, di conseguenza, dell’aumento automatico dell’età pensionabile di altri cinque mesi. Ma bloccare questo automatismo si può. A spiegarlo in modo chiaro e semplice è lo Spi Cgil che sul suo sito spiega brevemente quali sono le ipotesi in campo.
Il meccanismo automatico prevede che si vada in pensione a 67 anni a partire dal 1 gennaio 2019, indipendentemente dal lavoro svolto. Ma perché sia reso operativo è necessario un decreto direttorile del Ministero del Lavoro e di quello dell’Economia. Tale decreto non passa dal Parlamento (quindi non deve essere votato) e dal momento in cui viene emanato rende automatico l’aumento dell’età pensionabile. Il governo può però decidere di non fare il decreto. In questo caso servirebbe una norma che congeli il meccanismo.

Leggi: Liberetà, 25/10/2017


mercoledì 25 ottobre 2017
Pensioni. Le disparità di genere

Istat, il 47,6% delle donne con assegni sotto i mille euro
Nel 2016 le donne sono la maggioranza dei pensionati (52,7%, pari a 8,5 milioni), ma percepiscono in media un importo mensile notevolmente inferiore a quello degli uomini: 1.137 contro 1.592 euro, 455 euro in meno. E’ quanto si legge nel documento consegnato dal presidente Istat Giorgio Alleva alla Commissione Affari Costituzionali della Camera, in occasione di un’audizione.
Disaggregando i dati per importo di assegni percepiti, sotto i mille euro si collocano il 47,6% delle donne pensionate e il 29,6% degli uomini. Le disparità di genere si confermano anche tra chi non riceve alcuna forma di pensione: tra le donne, sono 16 anziane su 100, mentre tra gli uomini solo 3 su 100.

Leggi:  Inca, 25/10/2017


mercoledì 25 ottobre 2017
Riscaldamento, da Enea 10 regole per risparmiare senza rinunciare al comfort

Nonostante le temperature superiori alla media di questo mese, dal 15 ottobre è possibile accendere i riscaldamenti in oltre la metà degli 8mila comuni italiani, vale a dire quelli della cosiddetta zona climatica “E” che comprende grandi città come Milano, Torino, Bologna, Venezia, ma anche zone di montagna dove il clima è già rigido.
Per aiutare i consumatori a scaldare al meglio le proprie abitazioni, evitando sprechi e brutte sorprese in bolletta (o sanzioni per non aver effettuato le revisioni di legge), l’ENEA propone 10
regole pratiche per un riscaldamento efficiente che unisca il comfort al risparmio in bolletta.

Leggi: Edilportale, 25/10/2017


mercoledì 25 ottobre 2017
 Nuovo ascensore: chi paga l’installazione e chi può utilizzarlo, subito e dopo

Nei condomini privi di ascensore, l’installazione di un nuovo impianto – suscettibile di utilizzo separato – può essere fatta, anche senza approvazione assembleare, da una parte dei condòmini a loro spese, costituendo una comunione parziale. Nel caso, poi, in cui gli altri condòmini vogliano utilizzare il nuovo impianto, hanno facoltà – previa rifusione della quota di spesa – di divenirne comproprietari. È quanto disposto dalla seconda sezione civile della Corte di Cassazione con la sentenza 20713/2017.

Leggi: Quotidiano del Condominio, 25/10/2017


martedì 24 ottobre 2017
Aumenta l’età pensionabile. La protesta dei sindacati

Aumenta l’aspettativa di vita e si allunga ancora l’età pensionabile di 5 mesi. I sindacati chiedono unanimi che venga bloccato l’aumento automatico. Proprio stamattina, infatti, l’Istat aveva reso noto il nuovo dato relativo all’aspettativa di vita che continua a crescere arrivando a 82,8 anni (85 per le donne, 80,6 per gli uomini).
Dal 2013 risulta allungata di oltre sette mesi. Ciò significa che secondo lo schema della legge Fornero dal 2019 per la pensione il passaggio sarà da 66 anni e sette mesi a 67 anni, sia per gli uomini che per le donne.

Leggi: Liberetà, 24/10/2017


martedì 24 ottobre 2017
Private, costose e poco trasparenti. Fotografia delle strutture residenziali per anziani

Per lo più private, molto costose e mediamente poco trasparenti. Sono le strutture residenziali per anziani fotografate dall’Osservatorio nazionale presentato oggi alla Camera dei Deputati dallo Spi-Cgil, il Sindacato dei pensionati.
Un’iniziativa quanto mai attuale, e a dimostrarlo è la nuova ondata di controlli dei Nas – stavolta la notizia arriva dall’ Abruzzo –  nelle strutture sanitarie che ospitano anziani. Risultato: nove residenze per anziani ispezionate; tre attività risultate in esercizio in assenza di autorizzazione al funzionamento; nove persone segnalate all’autorità amministrativa e sanitaria; cinque persone segnalate all’autorità giudiziaria; circa 200 kg di alimenti di origine animale e vegetale sottoposti a blocco sanitario. Ennesima prova di un deficit di controllo da parte di Regioni, Comuni e Asl e della scoperta delle irregolarità di carattere penale o amministrativo possibili solo con l’intervento delle forze dell’ordine.

Leggi: Liberetà, 24/10/2017


martedì 24 ottobre 2017
Manovra, proroga al 2018 per il bonus mobili agganciato alle ristrutturazioni

Detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di arredi e grandi elettrodomestici in classe non inferiore alla A+. Le spese avranno un tetto massimo di 10mila euro
Il bonus mobili rientra nel perimetro della nuova legge di Bilancio. Con una proroga secca dal 2017 al 2018 per la misura che, dalla sua introduzione fino a tutto il 2016, è stata capace di muovere una spesa pari a oltre 4,5 miliardi di euro, secondo le stime di FederlegnoArredo. Il pacchetto della manovra dedicato alla casa incassa questa ennesima novità e si prepara a restituire un quadro delle agevolazioni fiscali molto rinnovato, dopo gli interventi del Governo, tra conferme, bonus totalmente nuovi e sconti riformati.

Leggi: Edilizia e Territorio, Il Sole 24 Ore, 24/10/2017


venerdì 20 ottobre 2017
Il fallimento del federalismo sanitario. Dai ticket ai tempi di attesa. Il Ssn ormai non è più uguale per tutti. Il nuovo report di Cittadinanzattiva

Al Sud le regioni con maggiori problematicità, ma ormai anche Regioni del Nord faticano più del passato a mantenere i livelli di performance nell’erogazione dei servizi. Aceti: “È evidente che così le cose non possono più andare avanti. Se da una parte si potrebbe pensare ad una eventuale nuova riforma Costituzionale che parta dal basso, dall’altra è doveroso capire subito se e cosa si può mettere in campo oggi, a normativa vigente, per intervenire su situazioni di iniquità che esistono nel Ssn. In altre parole serve subito un programma di azione”
Il federalismo sanitario davvero spacca l’Italia. Anzi la spezzetta un una serie di situazioni che spesso non penalizzano il Sud, ma sono negative anche verso il Nord.
Ad esempio le vaccinazioni.  Morbillo-Parotite- Rosolia hanno una copertura media dell’87% in Italia, ma raggiungono oltre il 90% in Lombardia, Piemonte, Sardegna e Basilicata, mentre sono al minimo con il 67% a Bolzano e col 73% in Molise.
La vaccinazione antinfluenzale negli over 65, ha una copertura media del 50% contro il  75% raccomandato e le Regioni sono in altalena: Umbria (63%), Calabria e Puglia (57%) e sul versante opposto Bolzano (37,3%) .

Leggi: Quotidiano Sanità, 20/10/2017


martedì 17 ottobre 2017
Come trovare un infermiere con i requisiti in regola. Evitando rischi

La domanda di prestazioni infermieristiche in Italia è esplosa sia per i pazienti cronici sia per gli anziani. Le regole da seguire per fare la scelta giusta. Senza improvvisare
Aver bisogno di un prelievo di sangue o di un’iniezione, di una medicazione o di una flebo. Secondo un’indagine del Censis (si veda infografica), per ricevere a casa una di queste prestazioni, una tantum o continuative, l’anno scorso un italiano su cinque ha pagato di tasca propria un infermiere privato. Non sempre è facile, però, trovare il professionista (giusto) quando serve. Ed è capitato che quattro italiani su dieci abbiano richiesto almeno una volta prestazioni come iniezioni e medicazioni a persone che s’improvvisano infermieri, ovvero a parenti, conoscenti, badanti. Ma come evitare un fai-da-te pericoloso per la nostra salute? Attraverso quali canali reperire un infermiere a domicilio? Proviamo a fare chiarezza con l’aiuto di Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione nazionale dei Collegi Ipasvi (Infermieri professionali, assistenti sanitari e vigilatrici di infanzia).

Leggi: Corriere della Sera, 17/10/2017


mercoledì 11 ottobre 2017
Assistenti sociali: solo l’11,8% non ha mai ricevuto intimidazioni. Il 15.4% ha subito violenza fisica

Lo rileva una ricerca promossa dal Consiglio nazionale degli Assistenti Sociali e dalla Fondazione Nazionale Assistenti Sociali. L’88,2% dei professionisti è stato oggetto di violenza verbale, l’11,2% ha subito danni a beni o proprietà e il 35,8% ha temuto per la propria incolumità o quella di un familiare a causa del lavoro. Le maggiori criticità nei servizi a tutela dei minori e in quelli a sostegno di adulti in difficoltà.
Nel corso della propria esperienza professionale solo poco più di un assistente sociale su dieci (11,8%) non ha mai ricevuto minacce, intimidazioni o aggressioni verbali. Ben tre professionisti su venti (il 15,4% ) hanno subito una qualche forma di aggressione fisica; l’88,2% è stato oggetto di violenza verbale, mentre il 61%  ha assistito ad episodi di violenza verbale contro i colleghi. Ed ancora: l’11,2% ha subito danni a beni o proprietà addebitabili all’esercizio della professione; il 35,8% ha temuto per la propria incolumità o quella di un familiare a causa del lavoro.

Leggi: Quotidiano Sanità, 11/10/2017


DALLE REGIONI

martedì 31 ottobre 2017
Il controllo della pensione arriva nelle case di cura

È la Residenza Sanitaria Assistita Felicia della Spezia la prima tappa di un percorso che porterà la campagna “Controlla la tua pensione- Riscuoti i tuoi diritti!”, organizzata dallo Spi Cgil spezzino, all’interno delle case di cura di tutto il territorio.
La campagna, volta a rendere esigibili i diritti inespressi dei pensionati come il recupero di 14esima, assegni familiari, disabilità, maggiorazioni, e attiva da diversi mesi in tutta la provincia, ha già visto gli operatori dello Spi concludere 1500 pratiche, recuperando dall’Inps una somma complessiva di oltre 600mila euro. Un lavoro capillare di controllo pensioni, svolto nelle sedi dello Spi ed all’esterno, nei mercati, nelle piazze, utilizzando l’ufficio mobile allestito all’interno di un furgone.

Leggi:  Liberetà, 31/10/2017


lunedì 30 ottobre 2017
Milano. Accordo per la locazione ad uso abitativo dell’azienda di servizi alla persona Istituti Milanesi Martinitt e Stelline e Pio Albergo Trivulzio

Firmato e depositato il 30 di ottobre, dopo l’assemblea unitaria degli inquilini, l’accordo per i canoni di locazione.
Nell’accordo anche gli allegati per i valori di riferimento stabili e la ripartizione degli oneri accessori fra conduttore e locatore
Allegato:
– il testo dell’accordo

Leggi: Sunia, 30/10/2017


IN AGENDA:

Due giornate di incontro e confronto sul tema dell’Assistive Technology per la Comunicazione, l’Apprendimento e l’Autonomia

Promosse da Auxilia, Helpicare, Leonardo Ausilionline con il patrocinio di Isaac, AITO, AIFI ed Exposanità, sono in calendario per il 26 e 27 ottobre p.v. presso il NH Hotel di piazza XX settembre a Bologna. Nella giornata del 27 in programma anche un seminario sul nuovo Nomenclatore ausili e protesi.

Leggi: Rete Caad


I City Lab 2017, quando smart è sinonimo di sostenibile. A Milano il 24 e 25 ottobre

La manifestazione nazionale sulle città organizzata da FPA ospiterà oltre 40 incontri a cui parteciperanno enti locali, amministrazioni, aziende innovative, attori territoriali e terzo settore. In apertura sarà presentata la sesta edizione del rapporto ‘ICity Rate’, che stila la classifica delle Smart City italiane
Smart city oggi è sinonimo di città sostenibile ed è per questo che ‘ICity Lab 2017’, l’annuale manifestazione di FPA dedicata al tema delle metropoli innovative, seguirà come filo conduttore quello contenuto nel payoff: “Verso la città sostenibile”. In quest’ottica, la sesta edizione del rapporto ‘ICity Rate’, che sarà presentato all’apertura della manifestazione di scena a Milano il 24 e il 25 ottobre, valuterà il grado di smartness delle città italiane anche in relazione agli obiettivi di sviluppo dell’Agenda ONU 2030. I risultati della ricerca verranno presentati nel corso dell’incontro “Dalla smart city alla città sostenibile: il digitale come fattore abilitante per conoscere, collaborare e realizzare le città del futuro” in programma a partire dalle ore 10.00 presso lo Spazio “BASE Milano”.

Leggi: Digital4biz


L’evoluzione delle disuguaglianze: problemi sociali, economici e politici. Bologna, 2-3-4 novembre 2017

Lo scopo della conferenza è quello di portare all’attenzione di politiche e istituzioni il tema delle disuguaglianze sociali e della loro evoluzione. Allargando la discussione anche ad aspetti più ampi quali il concetto di disuguaglianza sociale e le potenziali politiche. Particolare attenzione sarà dedicata anche alle conseguenze delle varie forme di diseguaglianzain tutto il mondo, sia dal punto di vista economico che non. La conferenza si terrà a Bologna dal 2 al 4 novembre 2017

Leggi: Cattaneo Inequalities


Tecnologia e disabilità, a novembre torna “Handimatica”

Si tratterà dell’XI edizione dell’appuntamento promosso dalla Fondazione Asphi. “In questo contesto di ‘innovazione istituzionale’, con cambiamenti molto significativi che interessano il mondo della disabilità, è sempre più fondamentale interrogarsi sul ruolo delle tecnologie”
Handimatica, la principale mostra-convegno nazionale su tecnologia e disabilità, ci sarà nel 2017, dal 30 novembre al 2 dicembre presso l’Istituto Aldini Valeriani Sirani, Via Bassanelli 9, Bologna.

Leggi: Redattore Sociale


IN EVIDENZA:

Prestazioni familiari alle Unioni civili

Le istruzioni dell’Inps
A partire dal 5 giugno prossimo, alle coppie omossessuali che abbiano contratto una Unione civile spettano gli assegni familiari, quelli al nucleo familiare e il congedo matrimoniale, al pari di quanto previsto per i coniugi. E’ quanto precisa l’Inps nella circolare n. 84 del 5 maggio scorso, con la quale l’Istituto fornisce i chiarimenti necessari alla luce delle novità introdotte dalla legge n. 76 del 2016 sulle Unioni civili.
Analizzando alcune situazioni tipo, l’Istituto precisa che nei casi in cui in una Unione Civile, solo un componente risulti essere lavoratore dipendente o titolare di prestazione previdenziale, al pari del diritto riconosciuto nell’ambito del matrimonio, devono essere riconosciute le prestazioni familiari per la parte dell’unione civile priva di posizione tutelata.

Leggi: Inca


SEGNALAZIONI:

Anziani e casa di abitazione, studio della fondazione CARIPLO

Anziani con abitazioni di valore e reddito basso. E’ questa una nuova contraddizione che si sta palesando nell’arcipelago della «disuguaglianza italiana»: sono circa 1,3 milioni i nuclei di anziani che dispongono di un reddito inferiore a 20 mila euro l’anno e però possiedono una casa che ne vale almeno 200 mila. Ancora più alta è la percentuale di anziani (21%) che abitano in casa di proprietà e hanno una capacità di risparmio basso o nullo. L’argomento è stato approfondito dal professor Luca Beltrametti che ha preparato un apposito studio («House rich, cash poor») per la Fondazione Cariplo con l’obiettivo di favorire una riflessione sulla ricchezza immobiliare (statica) degli anziani e su come possa essere messa in circolo. Sia per sostenere il reddito e le spese sanitarie dei legittimi proprietari sia per favorire figli e nipoti al tempo giusto e non solamente dopo, ovvero sotto forma di eredità a seguito della scomparsa di genitori e progenitori. Lo studio  è stato  presentato a Milano  il 2 ottobre in occasione della festa dei nonni.
Per info: www.fondazionecariplo.it

Leggi: Auser


Servizi e sportelli social(i)

Dal 21 agosto è online la nuova pagina facebook “Servizi e sportelli sociali – Comune di Bologna”, consultabile liberamente (anche senza alcun login, non serve avere un proprio profilo) a questo indirizzo.
La pagina si pone in primo luogo l’obiettivo di rafforzare la comunicazione rivolta ai cittadini, facendo circolare maggiormente notizie e informazioni utili e raggiungendo con più facilità anche tutti quegli utenti che accedono a internet prevalentemente o solo attraverso dispositivi mobili (e sono ormai la maggioranza di chi naviga in internet), dando risposta con maggiore immediatezza anche ad eventuali quesiti, dubbi e domande. Ma  vuole essere anche un luogo per raccontare attraverso piccole photogallery e post, le attività dei servizi sociali territoriali e degli altri servizi di varia natura a valenza sociale per valorizzarli e favorire l’incontro con i cittadini e lo scambio tra operatori.

Leggi: Comune di Bologna


NEWS:

martedì 24 ottobre 2017
Pensioni. Sindacati, no aumento automatico età – Cgil, Cisl e Uil, avviare confronto per la revisione

“Non tutti i lavori sono uguali, il Governo mantenga fede agli impegni assunti nell’intesa del 28 settembre 2016. L’adeguamento automatico dell’età pensionabile all’aspettativa di vita comporta conseguenze preoccupanti in un mercato del lavoro caratterizzato da un’elevata disoccupazione sia giovanile che over 50, e in cui sono ancora evidenti le ferite causate dall’aumento repentino dei requisiti pensionistici dovuto alla legge Monti-Fornero, che ha creato il drammatico fenomeno degli esodati”. Lo dichiarano, in una nota congiunta, i segretari confederali di Cgil, Cisl e Uil Roberto Ghiselli, Maurizio Petriccioli e Domenico Proietti.
Le tre Confederazioni chiedono quindi “il blocco dell’adeguamento all’aspettativa di vita previsto per il 2019 e l’avvio del confronto per una modifica dell’attuale meccanismo per superare e differenziare le attuali forme di adeguamento, tenendo conto anche delle diversità nelle speranze di vita e nella gravosità dei lavori”.

Leggi: Inca, 24/10/2017


martedì 24 ottobre 2017
Strutture residenziali per anziani: private, costose, poco trasparenti

Presentata alla Camera una ricerca realizzata dall’Osservatorio nazionale dello Spi Cgil. “La prossima legislatura – spiega il sindacato – dovrà mettere al centro della propria agenda il tema della non autosufficienza e dell’assistenza socio-sanitaria”
Solo il 14 per cento è pubblico e gestito direttamente da Comuni, associazioni (o consorzi) a essi legate, aziende sanitarie o aziende pubbliche di servizi alla persona (Asp). Il restante 86 per cento è invece gestito da privati, enti religiosi, onlus, fondazioni e cooperative. Sono le strutture residenziali per anziani fotografate dall’Osservatorio nazionale presentato oggi (martedì 24 ottobre) alla Camera dei deputati dallo Spi, il sindacato dei pensionati Cgil, che ne ha analizzate ben 4 mila in tutta Italia.
A livello economico convengono le strutture pubbliche, le cui rette massime nel 46 per cento dei casi non superano i 60 euro al giorno (circa 1.800 euro al mese). In quelle private, invece, la spesa economica da sostenere è più elevata e può arrivare (nel 39 per cento dei casi) oltre gli 80 euro giornalieri (circa 2.500 euro al mese).

Leggi: Rassegna Sindacale, 24/10/2017


martedì 24 ottobre 2017
Non autosufficienza, Spi-Cgil: “Serve una legge nazionale”

Necessaria una legge che “eroghi servizi e prestazioni di qualità che riducano le distanze tra Nord e Sud e nelle regioni stesse”. La richiesta dello Spi-Cgil, che oggi presenta i primi dati dell’Osservatorio nazionale sulle strutture residenziali per anziani. Il 74% ospita persone non autosufficienti
La prossima legislatura dovrà mettere al centro della propria agenda il tema della non autosufficienza e dell’assistenza socio-sanitaria delle persone anziane”. Lo chiede lo Spi-Cgil, il Sindacato dei pensionati, che oggi alla Camera dei Deputati ha presentato alle forze politiiche i primi risultati dell’Osservatorio nazionale sulle strutture residenziali per anziani. II sindacato sottolinea come il 74% delle strutture residenziali italiane ospiti anziani non autosufficienti. Tra queste, sempre secondo lo studio fatto dallo Spi-Cgil, oltre l’80% sono di medio-piccole dimensioni e non superano i 100 posti letto (10% fino a 20, 33% ne ha tra i 20 e i 50, 38% tra i 50 e i 100). Sono solo il 6% quelle che ospitano anziani autosufficienti mentre il 20% non specifica la tipologia dei suoi ospiti. Solo il 19% ha oltre 100 posti letto.

Leggi: Redattore Sociale, 24/10/2017


martedì 24 ottobre 2017
Alzheimer, la nuova frontiera della diagnosi precoce senza sintomi

La malattia di Alzheimer può essere individuata quando ancora non si sono manifestati i primi sintomi, nella sua fase silenziosa, quando i danni potrebbero essere reversibili. La notizia della possibilità di una diagnosi precoce in assenza di sintomi arriva dalla Francia dove una équipe di ricercatori, utilizzando dei ratti nei quali viene inoculato, direttamente nel cervello, il gene umano dei malati di Alzheimer, possono arrivare a diagnosticare la malattia tra i 40-45 anni prima che si manifesti e abbia causa danni irreversibili.
In anticipo, dunque, su quanto avviene oggi, quando l’età media dei pazienti cui viene scoperto l’Alzheimer è di circa 65-70 anni.

Leggi: Italia Oggi, 24/10/2017


martedì 24 ottobre 2017
Sale la speranza di vita per gli italiani: 82,8 anni nel 2016 (+0,4% su anno)

La speranza di vita alla nascita si attesta a 82,8 anni e nei confronti del 2013 risulta essersi allungata di oltre sette mesi. Lo rileva l’Istat nel rapporto “Indicatori di mortalità della popolazione residente – Anno 2016”. Abbattuta di oltre 7 volte, rispetto a 40 anni fa, la probabilità di morire nel primo anno di vita
Per il totale dei residenti la speranza di vita alla nascita si attesta a 82,8 anni (+0,4 sul 2015, +0,2 sul 2014) e nei confronti del 2013 risulta essersi allungata di oltre sette mesi. Lo rileva l’Istat nel rapporto ‘Indicatori di mortalità della popolazione residente – Anno 2016’. La speranza di vita alla nascita risulta come di consueto più elevata per le donne – 85 anni – ma il vantaggio nei confronti degli uomini – 80,6 anni – si limita a 4,5 anni di vita in più.
La speranza di vita aumenta in ogni classe di età. A 65 anni arriva a 20,7 anni per il totale dei residenti, allungandosi di cinque mesi rispetto a quella registrata nel 2013. A tale età la prospettiva di vita ulteriore presenta una differenza meno marcata tra uomini e donne (rispettivamente 19,1 e 22,3 anni) che alla nascita.

Leggi: Redattore Sociale, 24/10/2017


lunedì 23 ottobre 2017
Con 86 anni di vita media, le più longeve d’Italia risiedono in Trentino-Alto Adige

Nel 2016 si registra una leggera riduzione delle diseguaglianze territoriali di sopravvivenza, che tuttavia permangono significative. I valori massimi di speranza di vita si hanno nel Nord-est, dove gli uomini possono contare su 81 anni di vita media e le donne su 85,6…
Nel 2016 si registra una leggera riduzione delle diseguaglianze territoriali di sopravvivenza, che tuttavia permangono significative. I valori massimi di speranza di vita si hanno nel Nord-est, dove gli uomini possono contare su 81 anni di vita media e le donne su 85,6. Quelli minimi, invece, si ritrovano nel Mezzogiorno con 79,9 anni per gli uomini e 84,3 per le donne. Lo rileva l’Istat nel rapporto ‘Indicatori di mortalità della popolazione residente – Anno 2016’.

Leggi: Redattore Sociale, 23/10/2017


lunedì 23 ottobre 2017
Bologna, obiettivo 50% palazzi con ascensore

Sindacati: “Una città metropolitana che invecchia ha bisogno di riqualificare il suo patrimonio immobiliare”
Installare a Bologna ogni anno l’ascensore in cento palazzi pubblici e privati che oggi ne sono privi, per raggiungere entro il 2030 una percentuale di edifici con almeno 4 piani dotati di ascensore superiore al 50%, ferma restando l’esigenza di affrontare contemporaneamente anche i problemi di ordine normativo ed economico. È la proposta avanzata dai sindacati dei pensionati di Bologna emersa sulla base di una ricerca presentata durante un convegno che si è svolto oggi in città.
“In considerazione della necessità di sollecitare un piano di investimenti pubblici e privati, per questi interventi andrebbero previsti incentivi di natura economica e fiscale”, sottolineano i segretari Valentino Minarelli (Spi Cgil), Sergio Palmieri (Fnp Cisl area metropolitana bolognese) e Gianfranco Martelli (Uil area metropolitana Bologna): “Una città metropolitana che invecchia ha bisogno di riqualificare il suo patrimonio immobiliare”

Leggi: Rassegna Sindacale, 23/10/2017


lunedì 23 ottobre 2017
Camusso, su pensioni governo sta sbagliando

“Con la manovra il governo ha creato un vulnus rispetto all’intesa col sindacato sulle pensioni. La manovra non affronta i problemi della previdenza né quelli della sanità. Sarebbe un pessimo segnale dato al mondo del lavoro”. A dirlo è il segretario generale della Cgil Susanna Camusso, in un’intervista al Corriere della Sera, sottolineando a “a oggi nessun cenno” di risposta è arrivato alla richiesta dei sindacati di un incontro urgente con il governo: “”Bisogna fare la campagna di assemblee con i lavoratori decisa con Cisl e Uil. Poi prenderemo le necessarie risoluzioni. Certo, non possiamo star fermi in attesa di un incontro che non arriva”.

Leggi: Rassegna Sindacale, 23/10/2017


lunedì 23 ottobre 2017
Tasse sugli affitti, la nuova mappa

Per le tasse sugli affitti brevi è una piccola rivoluzione. Finora si è parlato molto della ritenuta applicata dagli intermediari immobiliari, che è stata versata la prima volta lunedì 16 ottobre e per la quale mercoledì scorso il Tar del Lazio ha bocciato l’istanza di sospensiva da parte di Airbnb.
Eppure, una volta superate le difficoltà applicative del nuovo adempimento, molti proprietari di case affittate si accorgeranno che le vere novità derivanti dal decreto legge 50/2017 e dalla circolare 24/E riguardano la possibilità di scegliere la cedolare (e il soggetto che può sceglierla).

Leggi: Il Sole 24 Ore, 23/10/2017


lunedì 23 ottobre 2017
Milano: al via il primo Hub dell’innovazione inclusiva in periferia

Dal Comune 1,3 milioni di euro per far nascere progetti e spazi di innovazione inclusiva in periferia. Si parte da Lorenteggio, già interessato da interventi di riqualificazione fisica sugli immobili di edilizia popolare
Milano crede nell’innovazione sociale per generare lavoro, crescita economica e sociale nei quartieri periferici della città. Sono state approvate nei giorni scorsi dalla Giunta comunale le linee di indirizzo che danno il via al primo “Hub dell’innovazione inclusiva” che prevede una serie di interventi per far nascere progetti innovativi capaci di rispondere ai bisogni sociali nelle periferie di Milano.
Il progetto mette a disposizione complessivamente 5 milioni di euro nell’ambito del PON Metro Milano – Programma Operativo Nazionale Città Metropolitane 2014-2020, finanziato con i fondi europei FESR e FSE.

Leggi: Casa e clima, 23/10/2017


venerdì 20 ottobre 2017
Roma. Cedolare secca al 10%: bene la conferma ma serve un piano pluriennale per ridurre il disagio abitativo.

Dichiarazione di Daniele Barbieri, segretario generale del SUNIA
A meno di ripensamenti nel corso dell’iter di approvazione della Legge di bilancio, il Governo ha confermato e reso strutturale la cedolare secca al 10% per i contratti concordati. E’ una buona notizia perché si continua sulla strada dello stimolo all’uso di contratti che spuntano riduzioni rispetto a quelli del mercato libero del 15-20% e perché agevola, chiarendo il quadro fiscale, il rinnovo degli accordi territoriali nei quali sono impegnati i Sindacati inquilini e le Associazioni della proprietà dopo la pubblicazione del D.M. che recepisce la Convenzione nazionale.

Leggi: Sunia, 20/10/2017


venerdì 20 ottobre 2017
Sunia: serve un piano pluriennale per ridurre il disagio abitativo

A meno di ripensamenti nel corso dell’iter di approvazione della Legge di bilancio, il Governo ha confermato e reso strutturale la cedolare secca al 10% per i contratti concordati. E’ una buona notizia perché si continua sulla strada dello stimolo all’uso di contratti che spuntano riduzioni rispetto a quelli del mercato libero del 15-20% e perché agevola, chiarendo il quadro fiscale, il rinnovo degli accordi territoriali nei quali sono impegnati i Sindacati inquilini e le Associazioni della proprietà dopo la pubblicazione del D.M. che recepisce la Convenzione nazionale.
Una misura, quindi, sicuramente positiva ma che non può sostituire una politica in grado di affrontare il grave disagio abitativo presente nel nostro paese. Innanzitutto è necessario abbandonare una visione anche culturale del settore che vede al centro delle politiche la casa in proprietà. I provvedimenti che si sono susseguiti negli ultimi anni hanno prevalentemente questo segno. Agevolazioni varie all’acquisto, bonus fiscali, interventi di sostegno al pagamento dei mutui sia a livello nazionale che regionale ne sono l’esempio concreto.

Leggi: Monitor Immobiliare, 20/10/2017


giovedì 19 ottobre 2017
Medie città del Nord, i centri storici si spopolano e raddoppiano le case vuote

Ricerca di Micelli e Pellegrini: difficoltà a ristrutturare e attrazione per case moderne ed ecologiche portano a inutilizzi fino al 40%
Per definizione, sono i territori che più dovrebbero raccontare l’identità di un luogo. Invece alcuni centri storici sono, oggi, nuove periferie: porzioni di territorio che perdono progressivamente abitanti, negozi, imprese e persino la sede delle principali istituzioni.
Un’emorragia che ha colpito prima di tutto lo stock di patrimonio residenziale, inutilizzato per percentuali pari anche al 40%. Con perdite di valore stimabile (se proiettate sul territorio nazionale) in alcune decine di miliardi. A fotografare il trend, di attualità nei giorni della legge cosiddetta salva-borghi, è una ricerca condotta da Ezio Micelli, docente di estimo presso l’Università Iuav di Venezia e Paola Pellegrini, docente di urbanistica in Cina, presso la Xi’an Jiaotong-Liverpool University e presentata in anteprima da Casa24.

Leggi: Edilizia e Territorio, Il Sole 24 Ore, 19/10/2017


mercoledì 18 ottobre 2017
Le vaccinazioni antinfluenzali non sfondano

Dieci anni fa in regione la copertura vaccinale contro l’influenza per gli over 65enni arrivava al 74%. Ora siamo scesi al 52,7%. Un dato che solo l’anno scorso è stato lievemente in risalita, dopo nove anni di calo, e che in viale Aldo Moro guardano con preoccupazione. Per questo la giunta regionale rilancia la campagna per l’anti-influenzale. Anche perché l’obiettivo mondiale è una soglia di copertura del 65% e l’Emilia è ancora molto sotto. «Puntiamo moltissimo sulla vaccinazione contro l’influenza, è un presidio efficace — spiega la direttrice generale della Sanità Kyriakoula Petropulacos — ancora non abbiamo notizie affidabili su come si presenterà il ceppo, ma abbiamo lavorato molto sul vaccino che quest’anno avrà quattro ceppi e non tre come lo scorso anno per garantire una maggiore copertura» rispetto ai virus.

Leggi: La Repubblica, 18/10/2017


mercoledì 18 ottobre 2017
Anziani, un miliardo di euro il costo di mancata vaccinazione

La mancata vaccinazione genera costi che gravano sul sistema sanitario, sui pazienti e sulla spesa sociale in generale: è stato presentato oggi uno studio che stima in circa un miliardo di euro annuo il costo complessivo e l’impatto fiscale della mancata vaccinazione contro lo pneumococco, le polmoniti batteriche e l’herpes zoster e la conseguente malattia della popolazione attiva in Italia. L’analisi condotta dall’ health technology assessment e presentata all’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari (ALTEMS) dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma evidenzia gli effetti delle mancate vaccinazioni dei soggetti lavoratori sul gettito fiscale, sulle mancate retribuzioni e sul conseguente calo di produzione e vendita di beni e servizi.

Leggi: Auser, 18/10/2017


mercoledì 18 ottobre 2017
Diritto alla casa, nuovi bandi del fondo per inquilini morosi incolpevoli. Balzarini: la Regione interviene per aiutare il maggior numero di cittadini

Lo stanziamento dello Stato per l’anno in corso, pari a 72.255 euro, verrà quindi incrementato con 500.000 euro di fondi regionali, per affrontare il persistere del fenomeno della morosità incolpevole.
“Il Fondo appartiene alle diverse misure per il diritto alla casa che intervengono per aiutare i privati – spiega l’assessore Balzarini – in alcuni casi, come questo, si tratta di leggi nazionali che da alcuni anni non hanno sufficiente copertura statale, e vengono finanziate con fondi regionali.”
Anche per il 2017 la Regione conferma lo stanziamento di risorse proprie per integrare il Fondo statale destinato agli inquilini morosi incolpevoli, significativamente ridotto nel corso degli anni. Lo ha stabilito la Giunta su proposta dell’assessore dei Lavori Pubblici Edoardo Balzarini.
Lo stanziamento dello Stato per l’anno in corso, pari a 72.255 euro, verrà quindi incrementato con 500.000 euro di fondi regionali, per affrontare il persistere del fenomeno della morosità incolpevole.

Leggi: Regione Sardegna, 18/10/2017


martedì 17 ottobre 2017
Le 5 false promesse del governo sulle pensioni. Ivan Pedretti sull’Huffington Post

Dopo la presentazione della legge di bilancio di ieri, i sindacati chiamano Gentiloni e  tutto il Governo a una vera assunzione di responsabilità.  Sulle pensioni nessuna risposta per milioni di persone nonostante le richieste dei sindacati che anche ieri mattina hanno incontrato il Ministro Poletti. Il segretario generale dei pensionati Cgil Ivan Pedretti lancia l’idea di una grande mobilitazione dei lavoratori e dei pensionati per far sentire la propria voce. E sull’Huffington Post spiega perché il Governo ha fatto false promesse. Ecco il suo intervento.

Leggi: Liberetà, 17/10/2017


martedì 17 ottobre 2017
 Manovra/1. L’ecobonus del 65% «rivisto» viene prorogato a tutto il 2018

Nasce il Fondo di garanzia con 50 milioni Mise-Ambiente per mettere in moto 600 milioni di lavori in casa. Detrazione «verde» del 36% per giardini e terrazzi
Arriva il bonus verde, un credito d’imposta del 36% delle spese fino a 5.000 euro per gli interventi di ristrutturazione e irrigazione delle aree verdi di unità immobiliari e dei condomini, così come per la copertura a verde e di giardini pensili. Proroga con alcune novità di rilievo dell’ecobonus per la riqualificazione energetica degli edifici. In particolare viene prorogato a tutto il 2018 il credito d’imposta del 65% per le singole unità immobiliari e fino al 31 dicembre 2012 per i condomini. Per alcuni beni, come finestre e caldaie a condensazione e a biomassa, la detrazione scende al 50% delle spese sostenute. Tra le novità principali la portabilità dell’ecobonus. Così come già avviene per incapienti e per il sisma bonus, il credito per interventi su singole unità immobiliari potrà essere ceduto a terzi. Arriva poi il Fondo di garanzia finanziato con 50 milioni ripartiti tra Mise e Ambiente che potrebbe mettere in moto 600 milioni di lavori in casa.

Leggi: Edilizia e Territorio, Il Sole 24 Ore, 17/10/2017


martedì 17 ottobre 2017
 Il POS entra in condominio. Tracciabilità del pagamento e scelte sulla individuazione delle modalità di pagamento degli oneri condominiali

La tracciabilità dei pagamenti in condominio. Analisi di alcune novità legislative
L’articolo 15, comma 4, del Dl 179/2012 dispone, nella sua ultima versione, che «a decorrere dal 30 giugno 2014 i soggetti che effettuano la vendita di prodotti e di prestazioni di servizi, anche professionali, sono tenuti ad accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito». Ora, il Governo si appresta ad emettere un decreto legislativo teso a recepire una direttiva comunitaria e “sdoganare” l’utilizzo del POS e della moneta elettronica in ogni settore del mercato, a cui non pare potersi sottrarre neppure quello dei servizi condominiali.
Si intente accrescere il livello di concorrenza e di integrazione del mercato europeo delle carte di pagamento, fissando un limite alle commissioni interbancarie, ogniqualvolta un consumatore effettua un pagamento basato su carta.

Leggi: Condominio Web, 17/10/2017


DALLE REGIONI:

venerdì 20 ottobre 2017
Sfratti, Sunia-Cgil Palermo: prefetto convochi tavolo tecnico

“Allarme sgomberi a Palermo, dieci famiglie sgomberate da palazzo Grassellini in via Maqueda, che si aggiungono a quel cospicuo numero di persone sotto minaccia di sfratto e sgombero, e non solo da enti pubblici. Il problema rischia di trasformarsi in una emergenza, che assumerebbe caratteristiche d’ordine pubblico, che esige l’istituzione di un tavolo tecnico interistituzionale, aperto ai sindacati degli inquilini e finalizzato a garantire alle famiglie con gravi ed evidenti disagi, uno dei beni primari garantiti dalla stessa costituzione italiana”. Lo dichiarano in una nota congiunta Mario Ridulfo, della segreteria Cgil Palermo, e Zaher Darwish, segretario Sunia Palermo.

Leggi: Rassegna Sindacale, 20/10/2017


venerdì 20 ottobre 2017
Firenze. Casa, firmati gli accordi territoriali. Si abbassano gli affitti privati stipulati a canone concordato

L’assessore Funaro: “Abbiamo approvato anche un protocollo per favorire la residenzialità. Dal 2019 possibili agevolazioni Imu”
A Firenze si abbassano gli affitti privati stipulati a canone concordato. Dal 2019 il Comune potrà applicare un’aliquota Imu agevolata per i contratti di locazione a canone concordato che abbassano almeno il 10% rispetto al valore minimo del prezzo individuato dagli accordi territoriali, mentre per il 2018 sarà mantenuta l’aliquota attualmente in vigore: è quanto prevede il protocollo firmato dal Comune con i sindacati degli inquilini e le associazioni dei proprietari che dà attuazione agli Accordi territoriali sulle locazioni abitative del Comune di Firenze e dei Comuni limitrofi.

Leggi: Sunia, 20/10/2017


giovedì 19 ottobre 2017
Palermo. Positivo incontro con l’assessore Mattina. Avviato confronto per garantire le 72 famiglie di via Attinelli

Il SUNIA, sindacato degli inquilini e degli assegnatari, ha incontrato l’assessore alla cittadinanza sociale Dr. Giuseppe Mattina. Sul tavolo la discussione sugli avvisi di sfratto e sgomberi che minacciano le 72 famiglie abitanti da decenni nella Via Attinelli a Borgo nuovo.
Il Sindacato, ha sottolineato l’importanza che il problema non possa essere affrontato con unica visione burocratico amministrativa, ma che esige, invece, una soluzione coraggiosa, nella quale si assume responsabilità politica che fonda le prospettive di risoluzione su basi normative esistenti nella legislazione nazionale e regionale.
Occorre comprendere che la crisi economica che continua a soffocare larghi strati sociali, debba produrre nelle persone e negli organismi statali un adeguamento nell’approccio a questioni inerenti diritti primari, come lo è il diritto alla casa.

Leggi: Sunia, 19/10/2017


mercoledì 18 ottobre 2017
“Pronto libro a domicilio”: a Mantova dalla biblioteca alle persone con disabilità
Si chiama “Pronto libro a domicilio” il servizio di consegna a domicilio di libri e dvd delle biblioteche comunali di Mantova rivolto ai cittadini con disabilità e difficoltà di movimento anche di natura temporanea. Il servizio è organizzato da Auser volontariato di Mantova e provincia onlus in collaborazione con la biblioteca Gino Baratta e la biblioteca di quartiere Te Brunetti.
Un’iniziativa che unisce cultura e socializzazione, un progetto inclusivo che nelle intenzioni degli organizzatori può essere “un allenamento cognitivo utile per la mente”.
Il libri e i dvd si possono prenotare chiamando il numero verde gratuito 800-995988 o lo 0376-221615 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18: risponderà un volontario Auser che contatterà le biblioteche interessate. La consegna e il ritiro del materiale richiesto verranno effettuati dagli ospiti della Casa del sole onlus, dall’Anfaas onlus Mantova, dalla cooperativa Fior di Loto, dal trasporto protetto città di Mantova onlus.

Leggi: Auser, 18/10/2017


mercoledì 18 ottobre 2017
Lodi, webcam e wi-fi, la tecnologia al servizio degli anziani

Le nuove tecnologie non spaventano i lodigiani più avanti negli anni. In otto, dai 60 ai 97 anni, hanno aderito a un originale progetto di videotelefonia promosso da Auser provinciale. Partito lunedì, in via sperimentale, coinvolge diversi comuni del territorio. L’iniziativa, che ha un budget di 20mila euro, è stata cofinanziata dalla Fondazione comunitaria della provincia di Lodi. Grazie ai contributi, i volontari Auser hanno installato computer, webcam, tastiere e modem wifi nelle case degli utenti.«Le chiamate dei volontari saranno bisettimanali, ma gli anziani potranno approfittare di questa strumentazione anche per comunicare in video tra loro (utilizzando la schermata dei televisori di casa)», ha commentato Alessandro Manfredi, presidente Auser provinciale che ieri mattina, nella sede di via Cavour, insieme ad alcuni volontari e ragazzi del servizio civile, ha illustrato la proposta. Grazie a una convenzione siglata da Auser con le scuole, gli studenti del Maffeo Vegio di Lodi e dell’istituto Ambrosoli di Codogno assisteranno i più inesperti nel collaudo delle attrezzature.

Leggi: Auser, 18/10/2017


IN AGENDA:

Due giornate di incontro e confronto sul tema dell’Assistive Technology per la Comunicazione, l’Apprendimento e l’Autonomia

Promosse da Auxilia, Helpicare, Leonardo Ausilionline con il patrocinio di Isaac, AITO, AIFI ed Exposanità, sono in calendario per il 26 e 27 ottobre p.v. presso il NH Hotel di piazza XX settembre a Bologna. Nella giornata del 27 in programma anche un seminario sul nuovo Nomenclatore ausili e protesi.

Leggi: Rete Caad


I City Lab 2017, quando smart è sinonimo di sostenibile. A Milano il 24 e 25 ottobre

La manifestazione nazionale sulle città organizzata da FPA ospiterà oltre 40 incontri a cui parteciperanno enti locali, amministrazioni, aziende innovative, attori territoriali e terzo settore. In apertura sarà presentata la sesta edizione del rapporto ‘ICity Rate’, che stila la classifica delle Smart City italiane
Smart city oggi è sinonimo di città sostenibile ed è per questo che ‘ICity Lab 2017’, l’annuale manifestazione di FPA dedicata al tema delle metropoli innovative, seguirà come filo conduttore quello contenuto nel payoff: “Verso la città sostenibile”. In quest’ottica, la sesta edizione del rapporto ‘ICity Rate’, che sarà presentato all’apertura della manifestazione di scena a Milano il 24 e il 25 ottobre, valuterà il grado di smartness delle città italiane anche in relazione agli obiettivi di sviluppo dell’Agenda ONU 2030. I risultati della ricerca verranno presentati nel corso dell’incontro “Dalla smart city alla città sostenibile: il digitale come fattore abilitante per conoscere, collaborare e realizzare le città del futuro” in programma a partire dalle ore 10.00 presso lo Spazio “BASE Milano”.

Leggi: Digital4biz


L’evoluzione delle disuguaglianze: problemi sociali, economici e politici. Bologna, 2-3-4 novembre 2017

Lo scopo della conferenza è quello di portare all’attenzione di politiche e istituzioni il tema delle disuguaglianze sociali e della loro evoluzione. Allargando la discussione anche ad aspetti più ampi quali il concetto di disuguaglianza sociale e le potenziali politiche. Particolare attenzione sarà dedicata anche alle conseguenze delle varie forme di diseguaglianzain tutto il mondo, sia dal punto di vista economico che non. La conferenza si terrà a Bologna dal 2 al 4 novembre 2017

Leggi: Cattaneo Inequalities


Tecnologia e disabilità, a novembre torna “Handimatica”

Si tratterà dell’XI edizione dell’appuntamento promosso dalla Fondazione Asphi. “In questo contesto di ‘innovazione istituzionale’, con cambiamenti molto significativi che interessano il mondo della disabilità, è sempre più fondamentale interrogarsi sul ruolo delle tecnologie”
Handimatica, la principale mostra-convegno nazionale su tecnologia e disabilità, ci sarà nel 2017, dal 30 novembre al 2 dicembre presso l’Istituto Aldini Valeriani Sirani, Via Bassanelli 9, Bologna.

Leggi: Redattore Sociale


IN EVIDENZA:

Prestazioni familiari alle Unioni civili

Le istruzioni dell’Inps
A partire dal 5 giugno prossimo, alle coppie omossessuali che abbiano contratto una Unione civile spettano gli assegni familiari, quelli al nucleo familiare e il congedo matrimoniale, al pari di quanto previsto per i coniugi. E’ quanto precisa l’Inps nella circolare n. 84 del 5 maggio scorso, con la quale l’Istituto fornisce i chiarimenti necessari alla luce delle novità introdotte dalla legge n. 76 del 2016 sulle Unioni civili.
Analizzando alcune situazioni tipo, l’Istituto precisa che nei casi in cui in una Unione Civile, solo un componente risulti essere lavoratore dipendente o titolare di prestazione previdenziale, al pari del diritto riconosciuto nell’ambito del matrimonio, devono essere riconosciute le prestazioni familiari per la parte dell’unione civile priva di posizione tutelata.

Leggi: Inca


SEGNALAZIONI:

Anziani e casa di abitazione, studio della fondazione CARIPLO

Anziani con abitazioni di valore e reddito basso. E’ questa una nuova contraddizione che si sta palesando nell’arcipelago della «disuguaglianza italiana»: sono circa 1,3 milioni i nuclei di anziani che dispongono di un reddito inferiore a 20 mila euro l’anno e però possiedono una casa che ne vale almeno 200 mila. Ancora più alta è la percentuale di anziani (21%) che abitano in casa di proprietà e hanno una capacità di risparmio basso o nullo. L’argomento è stato approfondito dal professor Luca Beltrametti che ha preparato un apposito studio («House rich, cash poor») per la Fondazione Cariplo con l’obiettivo di favorire una riflessione sulla ricchezza immobiliare (statica) degli anziani e su come possa essere messa in circolo. Sia per sostenere il reddito e le spese sanitarie dei legittimi proprietari sia per favorire figli e nipoti al tempo giusto e non solamente dopo, ovvero sotto forma di eredità a seguito della scomparsa di genitori e progenitori. Lo studio  è stato  presentato a Milano  il 2 ottobre in occasione della festa dei nonni.
Per info: www.fondazionecariplo.it

Leggi: Auser


Servizi e sportelli social(i)

Dal 21 agosto è online la nuova pagina facebook “Servizi e sportelli sociali – Comune di Bologna”, consultabile liberamente (anche senza alcun login, non serve avere un proprio profilo) a questo indirizzo.
La pagina si pone in primo luogo l’obiettivo di rafforzare la comunicazione rivolta ai cittadini, facendo circolare maggiormente notizie e informazioni utili e raggiungendo con più facilità anche tutti quegli utenti che accedono a internet prevalentemente o solo attraverso dispositivi mobili (e sono ormai la maggioranza di chi naviga in internet), dando risposta con maggiore immediatezza anche ad eventuali quesiti, dubbi e domande. Ma  vuole essere anche un luogo per raccontare attraverso piccole photogallery e post, le attività dei servizi sociali territoriali e degli altri servizi di varia natura a valenza sociale per valorizzarli e favorire l’incontro con i cittadini e lo scambio tra operatori.

Leggi: Comune di Bologna


NEWS:

martedì 17 ottobre 2017
Stati generali dell’edilizia pubblica in Europa

Il mondo dell’edilizia residenziale pubblica europea, delle cooperative sociali e del social housing si ritrova a Bruxelles per dare vita agli Stati generali dell’housing sociale. Appuntamento il 17 ottobre, per una giornata di analisi e confronto, all’interno del Parlamento dell’Unione, momento al quale Federcasa prenderà parte con il proprio presidente, Luca Talluri.
Sul tavolo dati statistici dell’Osservatorio di Housing Europe, nonché programmi e strategie, per rendere le politiche per la casa ancora più concrete e risolutive. Nel corso di alcune tavole rotonde l’evento analizza le azioni virtuose svolte nei singoli paesi, anche alla luce dei repentini mutamenti sociali e delle esigenze dei cittadini. Alla giornata di lavori prendono parte anche i parlamentari europei.

Leggi: Federcasa, 17/10/2017


lunedì 16 ottobre 2017
Camusso: mancano risposte sulle pensioni

L’incontro al ministro del Lavoro è stato sospeso per il Consiglio dei ministri che ha approvato la legge di Bilancio. Cgil: “Serve un atto normativo che sospenda l’automatismo dell’adeguamento dell’età pensionabile all’aspettativa di vita”
“Siamo preoccupati per l’assenza di risposte da parte del governo sui temi della previdenza”. A dirlo è il segretario generale della Cgil Susanna Camusso al termine dell’incontro che si è tenuto quest’oggi, 16 ottobre, tra i sindacati e il ministro del Lavoro Giuliano Poletti. In primis la leader del sindacato di corso d’Italia sottolinea che è necessario un “atto normativo che sospenda l’automatismo dell’adeguamento dell’età pensionabile all’aspettativa di vita. Vogliamo che il Consiglio dei Ministri, nel definire la legge di Bilancio, assuma questo impegno”.

Leggi: Rassegna sindacale, 16/10/2017


lunedì 16 ottobre 2017
Manovra: Pedretti (Spi Cgil): mobilitazione non rinviabile

“Disattesi gli impegni sulle pensioni”
“Non ci siamo. Non ci siamo proprio. Con arroganza il governo non risponde ai problemi di milioni di persone e disattende gli impegni che si era preso per la seconda fase di confronto con i sindacati sulle pensioni”. Lo dichiara il segretario generale dello Spi Cgil Ivan Pedretti commentando l’approvazione della legge di bilancio da parte del Consiglio dei ministri. “Arrivati a questo punto – continua – credo davvero non sia più rinviabile una grande mobilitazione dei lavoratori e dei pensionati per far sentire la propria voce”.

Leggi: Rassegna sindacale, 16/10/2017


lunedì 16 ottobre 2017
Pensioni. Il Governo ha disatteso gli impegni. Verso la mobilitazione

Il Consiglio dei Ministri ha appena approvato la legge di bilancio. Sulle pensioni nessuna risposta per milioni di persone nonostante le richieste dei sindacati che anche stamattina hanno incontrato il Ministro Poletti. Il commento del segretario dello Spi Cgil Ivan Pedretti non si fa attendere.
“Non ci siamo. Non ci siamo proprio. Con arroganza il governo non risponde e disattende gli impegni che si era preso per la seconda fase di confronto con i Sindacati sulle pensioni. Arrivati a questo punto credo davvero non sia più rinviabile una grande mobilitazione dei lavoratori e dei pensionati per far sentire la propria voce”, dice Pedretti.
Il confronto tra governo e sindacati è stato aggiornato a dopo la presentazione della legge di bilancio. E’ evidente che a questo punto la situazione si fa più critica perché il Governo non ha fatto nessun passo in avanti.

Leggi: Liberetà, 16/10/2017


lunedì 16 ottobre 2017
Caregiver familiari in piazza, nel giorno degli emendamenti. Per dire: “Io esisto”

Il flashmob è promosso dal Coordinamento nazionale Famiglie disabili in occasione della presentazione degli emendamenti al Testo Unico in materia di caregiver familiare. Davanti al Senato, per “sensibilizzare i Senatori affinché il provvedimento preveda vere tutele e sostegni reali
Hanno chiesto per anni questa legge e per anni l’hanno attesa: ora che sta finalmente prendendo forma, la considerano una “truffa a fini elettorali”, perché non prevede reali tutele per chi, come loro, assiste una familiare con grave disabilità 24 ore al giorno, 7 giorni su 7, senza ferie né festività. Sono i caregiver familiari, che hanno levato un coro di proteste non appena il Senato ha licenziato il testo che riuniva le tre proposte di legge in discussione. Domani, martedì 17 ottobre, è il giorno della presentazione degli emendamenti e il Coordinamento nazionale Famiglie disabili ha dato appuntamento ai caregiver nei pressi del Senato, per dar vita a un flashmob, a partire dalle 15.30, con lo scopo di “sensibilizzare i senatori dell’XI Commissione affinché il provvedimento preveda vere tutele e veri sostegni e non venga usato per fini elettorali”.

Leggi: Redattore Sociale, 16/10/2017


lunedì 16 ottobre 2017
Piano periferie, Gentiloni firma la delibera Cipe che sblocca gli ultimi 800 milioni

Ora Corte dei Conti e Gazzetta, poi la firma dei 96 protocolli di intesa mancanti (entro novembre/dicembre l’obiettivo)
Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha firmato nei giorni scorsi la delibera Cipe del 7 agosto scorso che assegna operativamente gli ultimi 800 milioni di euro per il piano periferie da 2,1 miliardi complessivi di finanziamenti statali. Si tratta per la precisione di 798 milioni di euro dal Fondo Fsc, che andranno per l’80% a Comuni e città metropolitane del Sud e Isole e il 20% a Comuni del Centro-Nord, scelti comunque nella graduatoria del dicembre 2016, tra i 96 che non sono rienrati nella prima tranche da 24 (firma dei protocolli di intesa del 7 marzo scorso).
In realtà si pensava che la vicenda di questi 798 milioni fosse chiusa, che i soldi fossero cioè pienamente disponibili dopo la prima delibera sul tema, la 2/2017 del 3 marzo scorso. La delibera assegnava i 798 milioni, di cui 603,9 ai Comuni del Sud in graduatoria e 194,27 mln ai Comuni del centro-nord, stabilendo che 160 dei 798 milioni rappresentavano l’assegnazione finanziaria 2017.

Leggi: Edilizia e Territorio, Il Sole 24 Ore, 16/10/2017


lunedì 16 ottobre 2017
Ania: a rischio catastrofe il 78% delle case in Italia, serve sistema pubblico-privati

La copertura assicurativa dei beni immobili di case e imprese contro il rischio di catastrofi naturali non può essere lasciato, come ora, alla libera iniziativa delle famiglie o delle società più consapevoli e sensibili al tema ma deve compiere un salto di scala, per essere inquadrato in un sistema regolamentato a livello nazionale. A chiederlo è l’Ania, l’Associazione che riunisce le società di assicurazione, nella giornata internazionale dedicata alla riduzione dei “rischi catastrofali”. Rischi che – ha ricordato venerdì scorso la presidente dell’Ania, Maria Bianca Farina davanti a una folta rappresentanza di associati – vedono l’Italia nella singolare posizione di Paese tra i più colpiti in Europa e allo stesso tempo più indietro nella prevenzione.
«L’Italia è il sesto paese al mondo per danni causati da catastrofi naturali – ha sottolineato Farina – il cui costo è stato calcolato in 58 miliardi dollari negli ultimi 20 anni e grava sul bilancio pubblico per 3 miliardi di euro l’anno». Allo stesso tempo l’Italia si scopre essere la più sguarnita in Europa – in compagnia della sola Grecia – sul sistema per gestire il rischio: sistemi regolamentati ci sono invece in Romania, Belgio, Gran Bretagna, Spagna, Danimarca, Francia, Norvegia e Islanda. Da qui la proposta dell’Ania a governo, forze politiche e istituzioni per
definire un sistema «regolamentato» nel solco di altri paesi anche meno esposti del nostro ai rischi legati a vulcani, fenomeni idrogeologici e terremoti.

Leggi: Edilizia e Territorio, Il Sole 24 Ore, 16/10/2017


giovedì 12 ottobre 2017
Vaccini contro l’influenza. La grande fuga degli anziani

Il Censis: è scarsa la conoscenza delle possibili complicanze. Tra gli ultrasessantacinquenni fa la puntura solo uno su due
L’influenza può uccidere, non tutti gli italiani lo sanno, e molti non si vaccinano. A svelare il controsenso, che la dice lunga sul nostro rapporto ancora controverso con i vaccini, è un’indagine del Censis. Che sembra smentire l’opinione diffusa secondo la quale basterebbe un po’ di buona informazione per convincere le persone a fare pace con i vaccini. A prendere sotto gamba l’influenza sarebbe infatti solo il 14,7% degli over 50, mentre il 48,9 crede possa diventare una malattia anche molto grave e il 43% sa che le complicanze possono portare alla morte.
Evento tragico che lo scorso anno si è portato via tra 15 e i 18mila anziani, «contro una media che negli anni precedenti era di 8mila», denuncia il Presidente dell’Istituto superiore di sanità, Walter Ricciardi. Che indica anche la causa di questa strage silente: la fuga dalla vaccinazione contro i virus influenzali. Tra gli ultrasessantacinquenni, che possono vaccinarsi gratuitamente dal proprio medico di famiglia, nel 2006 si era raggiunto un picco di oltre il 68% di immunizzati, poi il progressivo e inesorabile calo, fino ad arrivare appena al 52% di vaccinati lo scorso anno, nonostante medici ed esperti avessero messo in guardia sulla particolare aggressività del virus, che infatti ha fatto il doppio delle vittime che di solito falcia ogni anno, soprattutto tra gli anziani già debilitati da altre malattie.

Leggi: La Stampa, 12/10/2017


giovedì 12 ottobre 2017
Immobiliare, la casa ristrutturata ripaga l’investimento: vale il 30% in più

Indagine Symbola-Cresme: il prezzo di un appartamento ristrutturato è superiore del 29% rispetto a un’unità immobiliare non riqualificata
Investire sulla ristrutturazione della casa, in chiave green, significa non solo vivere in un ambiente efficiente, che consuma di meno, è più confortevole e più adatto a rispondere a tutti i bisogni della vita quotidiana. Ma vuol dire anche aumentare il valore dell’immobile, anche grazie agli incentivi fiscali, di una cifra pari fino a quattro volte l’ammontare della spesa per i
lavori effettuati.
Secondo un’indagine svolta nel 2017 da Symbola-Cresme e rilanciata al KlimahouseCamp – la piattaforma dedicata ai temi dell’efficienza energetica, della riqualificazione e della green technology promossa da Fiera Bolzano e che si è svolta a Milano martedì 10 ottobre – su un campione di 500mila proposte di vendita in Italia, emerge che il prezzo di un appartamento ristrutturato è superiore del 29% rispetto a un’unità immobiliare non riqualificata (299mila euro contro 233.250, con un delta pari a 65.750 euro). Se si considera che l’investimento medio per un “restyling” viaggia intorno a 14.500 euro, si può ipotizzare che il plusvalore generato possa arrivare a oltre 51mila euro.

Leggi: Edilizia e Territorio, Il Sole 24 Ore, 12/10/2017


martedì 10 ottobre 2017
Pensionati in Europa, assemblea della Ferpa. È ora di tutelare i diritti di milioni di anziani

Al via l’Assemblea di metà mandato della Ferpa, il sindacato europeo dei pensionati, riunita fino a dopodomani a Roma, in onore dei 60 anni dei Trattati che hanno istituto l’Unione Europea. Tre giorni di riflessione sul futuro degli anziani d’Europa, sempre più deboli e con meno tutele. L’assemblea si apre a poco più di un mese da un appuntamento cruciale: il vertice sociale per l’occupazione e la crescita promosso dalla Commissione Europea che si terrà il 17 novembre a Goteborg, in Svezia. Una tappa importante per la costruzione di quello che è stato definito Pilastro Sociale.
La Ferpa sarà presente con dei propri rappresentanti, insieme alla Confederazione europea dei sindacati (Ces) per chiedere a gran voce che i diritti sociali vengano messi finalmente sullo stesso piano delle libertà economiche all’interno dei trattati europei.

Leggi: Liberetà, 10/10/2017


venerdì 6 ottobre 2017
“Casa conviene 2017”. Un opuscolo del Mef che “dimentica” 4 milioni e mezzo di inquilini e chi la casa non la può comprare.

Dichiarazione dei segretari generali di SUNIA e SICET, Daniele Barbieri e Nino Falotico.
In questi giorni è apparso un opuscolo redatto dal Mef a cui hanno partecipato svariate associazioni, segnatamente di imprenditori e di proprietari immobiliari, dal titolo “Casa conviene” in cui appare un paese fatto di soli proprietari di abitazioni o di aspiranti tali. Ai primi vengono prospettate tutte le soluzioni per valorizzare e far rendere al meglio il proprio patrimonio, ai secondi come diventare finalmente proprietari attraverso mutui, leasing, ecc..
Per questo incredibile opuscolo non esistono né inquilini, né cittadini che non possono acquistare una casa ed hanno difficoltà a trovarla ad affitti sostenibili sul mercato o ad avere un alloggio di edilizia pubblica. Sembra quasi che non rientrare nella categoria dei proprietari di abitazione sia una colpa tale da considerare di serie B questi cittadini. Certo è difficile pensare ad un opuscolo in cui vengono descritte le possibili risposte a chi cerca una casa non avendo le risorse per acquistarla vista l’assenza di una politica abitativa degna di questo nome, ma nascondere il problema non è certo la soluzione.

Leggi: Sunia, 06/10/2017


mercoledì 20 settembre 2017
Salute e terza età: l’importanza del check up per stare in forma

Quanto è importante la prevenzione? Secondo i sondaggi, la maggioranza degli italiani sembra ignorare la risposta corretta a questa domanda, dato che acconsente a sottoporsi ad esami e accertamenti solo al manifestarsi di qualche disturbo. In realtà, un check up completo effettuato con regolarità aiuta a prevenire molte delle principali patologie della terza età. Ma cosa si intende esattamente con il termine “check up”, espressione inglese ormai entrata a pieno titolo nel nostro linguaggio comune? La spiegazione è molto semplice: non si tratta altro che di un controllo effettuato periodicamente (l’ideale sarebbe almeno una volta Tanno), anche in assenza di sintomi particolari. Prima di predisporre gli esami di laboratorio è bene che il medico dedichi qualche minuto a un’attenta analisi del paziente: negli ultimi anni, infatti, c’è la tendenza a ‘personalizzare” sempre di più il check up in base alla costituzione e alla ‘storia” sanitaria dell’interessato.

Leggi: La Repubblica, 20/09/2017


DALLE REGIONI:

lunedì 16 ottobre
Non autosufficienza, 17 ottobre presidio sindacati a Campobasso

Martedì 17 ottobre il Consiglio regionale del Molise discuterà la proposta di legge sulla non autosufficienza promossa e presentata il 24 settembre 2014 dai sindacati dei pensionati regionali. “Per l’occasione – affermano le tre sigle in una nota unitaria – allo scopo di dare risonanza alla questione della non autosufficienza ci sarà un presidio davanti alla sede del Consiglio a Campobasso, in via IV Novembre, a partire dalle ore 10”.

Leggi: Rassegna Sindacale, 16/10/2017


venerdì 13 ottobre 2017
Torino. Emergenza abitativa: Sunia, Sicet e Uniat incontrano il prefetto

Su richiesta di Sunia, Sicet e Uniat, il 12 ottobre u.s. si è tenuto l’incontro con il Prefetto di Torino, dott. Renato Saccone, finalizzato a fare il punto sull’emergenza abitativa nell’area metropolitana.
Il confronto, a giudizio delle organizzazioni sindacali, è stato proficuo e ha consentito di individuare le priorità di intervento imposte dal perdurare di una situazione di criticità che si protrae ormai da diversi anni, resa ancor più acuta dall’impennata degli sfratti registrata nel 2016 che ha portato Torino in cima alla triste graduatoria delle città più colpite dal fenomeno.
Sunia, Sicet e Uniat hanno innanzitutto evidenziato la necessità di adeguare gli strumenti per far fronte all’emergenza, efficaci fino ad oggi ma che vanno sicuramente affinati alla luce della nuova realtà, e hanno proposto l’ istituzione di un tavolo che coinvolga tutti i soggetti interessati ( prefettura, comuni, organizzazioni degli inquilini e dei proprietari ) per concertare una maggior gradualità delle esecuzioni in tutti quei casi in cui, pur trattandosi di soggetti deboli, la posizione in graduatoria o il ricorso alla commissione emergenza abitativa non garantiscono un immediato passaggio da casa a casa.

Leggi: Sunia, 13/10/2017


giovedì 12 ottobre 2017
Puglia. Emergenza abitativa: Sunia Sicet Uniat, necessario un incontro urgente con l’Assessore Pisicchio

“È paradossale che il Consiglio regionale approvi la Legge sulla partecipazione dei cittadini e delle associazioni di rappresentanza e l’Assessore regionale all’Urbanistica, tra le cui deleghe c’è l’Edilizia residenziale pubblica, non si confronta con i sindacati degli inquilini per discutere dell’emergenza abitativa, del piano casa regionale e degli interventi per il recupero degli alloggi di edilizia pubblica”. Così i Segretari generali del Sunia – Sicet – Uniat, rispettivamente Nicola Zambetti, Paolo Cicerone e Vera Guelfi esprimono la loro preoccupazione sull’andamento dei rapporti con la Regione in materie particolarmente delicate per i cittadini.
“Da oltre 4 mesi – aggiungono i sindacalisti – non viene convocata la Cabina di regia regionale sull’emergenza abitativa, costituita a seguito di protocollo d’intesa sottoscritto dai sindacati dei lavoratori, degli inquilini e dalla stessa Regione Puglia. A dirla tutta l’Assessore regionale Alfonso Pisicchio ad oggi non ha tenuto alcuna riunione con i sindacati, neanche quella di presentazione. Pertanto non sappiamo come intende operare per rilanciare il ruolo degli ARCA (ex IACP) e quali investimenti proporrà alla Giunta nella disposizione del bilancio 2018. Oltretutto – sottolineano Zambetti, Cicerone e Guelfi – due leggi regionali prevedono che la Puglia si doti di un Piano casa per affrontare le diverse emergenze abitative. In Puglia oltre 50.000 famiglie chiedono il contributo alloggiativo, 60.000 famiglie hanno presentato domanda per l’assegnazione di un alloggio popolare e negli anni 2015 e 2016 sono stati emessi oltre 7000 sfratti e 3.300 sono stati eseguiti con l’assistenza della forza pubblica; ma a questi dati bisogna aggiungere la cosiddetta fascia grigia di cittadini che non accede ad alcuna agevolazione e paga canoni di locazione che spesso superano il 40 per cento del reddito familiare. Su questi temi abbiamo chiesto un incontro all’Assessore Pisicchio senza alcun esito”.

Leggi: Sunia, 12/10/2017


mercoledì 11 ottobre 2017
Valdagno, dove la spesa sociale è superiore alla media nazionale

Oggi siamo andati in un piccolo comune della provincia di Vicenza, Valdagno. Qui il 30 per cento della popolazione è costituita da ultra 65enni e il fenomeno dello spopolamento è sempre più marcato. In paese ci restano solo gli anziani. I giovani vanno a cercare lavoro altrove. Il sindacato da più di dieci anni cerca di arrestare questo fenomeno prendendo di petto quella che si può definire come una vera e propria “crisi demografica”. La stessa che attanaglia l’intero nostro paese, ma che nei piccoli centri è più evidente che altrove.
È per questo che la firma di un accordo tra sindacati e amministrazioni locali, come quello firmato ieri a Valdagno, va presa come una gran bella notizia. Sì, perché con la firma il Comune si impegna a stanziare risorse precise per la sanità, la spesa sociale, la non autosufficienza. Lo scopo è quello di garantire un buon livello dei servizi sociali anche in questi anni di crisi e di favorire allo stesso tempo degli investimenti che vadano incontro ai bisogni dei giovani in cerca di lavoro e a chi il lavoro lo ha perso e cerca una nuova occupazione.

Leggi: Liberetà, 11/10/2017


IN AGENDA:

“La forza degli anni”, gli anziani ricordano le emozioni della vita

La Comunità di Sant’Egidio promuove il 13 e 14 ottobre a Palazzo Vecchio un convegno dove saranno protagonisti gli anziani, per ascoltarne sogni e preoccupazioni
Si chiama “La forza degli anni” ed è il convegno promosso dalla Comunità di Sant’Egidio a Firenze venerdì 13 e sabato 14 ottobre, che nasce dal desiderio di aprire uno spazio di riflessione e confronto in cui coloro che sono avanti negli anni siano i protagonisti. È l’occasione, per usare le parole di Papa Francesco, di “ascoltare i sogni degli anziani”, di dar vita alle loro preoccupazioni, alla loro visione dell’attualità, alle loro proposte per la città e la società.
Alle 16.30 di venerdì in Palazzo Vecchio (Sala d’Arme) l’inizio dei lavori, ai quali prenderanno parte tra gli altri il Card. Giuseppe Betori, Maria Falcone e il sociologo libanese Ahmad Beydoun. Sabato mattina 14 ottobre, nella Sala Luca Giordano di Palazzo Medici Riccardi, la seconda sessione, a partire dalle ore 10.

Leggi: Redattore Sociale


Due giornate di incontro e confronto sul tema dell’Assistive Technology per la Comunicazione, l’Apprendimento e l’Autonomia

Promosse da Auxilia, Helpicare, Leonardo Ausilionline con il patrocinio di Isaac, AITO, AIFI ed Exposanità, sono in calendario per il 26 e 27 ottobre p.v. presso il NH Hotel di piazza XX settembre a Bologna. Nella giornata del 27 in programma anche un seminario sul nuovo Nomenclatore ausili e protesi.
Il programma delle due giornate
Alcuni abstract sui temi affrontati

Leggi: Rete Caad


 I City Lab 2017, quando smart è sinonimo di sostenibile. A Milano il 24 e 25 ottobre

La manifestazione nazionale sulle città organizzata da FPA ospiterà oltre 40 incontri a cui parteciperanno enti locali, amministrazioni, aziende innovative, attori territoriali e terzo settore. In apertura sarà presentata la sesta edizione del rapporto ‘ICity Rate’, che stila la classifica delle Smart City italiane
Smart city oggi è sinonimo di città sostenibile ed è per questo che ‘ICity Lab 2017’, l’annuale manifestazione di FPA dedicata al tema delle metropoli innovative, seguirà come filo conduttore quello contenuto nel payoff: “Verso la città sostenibile”. In quest’ottica, la sesta edizione del rapporto ‘ICity Rate’, che sarà presentato all’apertura della manifestazione di scena a Milano il 24 e il 25 ottobre, valuterà il grado di smartness delle città italiane anche in relazione agli obiettivi di sviluppo dell’Agenda ONU 2030. I risultati della ricerca verranno presentati nel corso dell’incontro “Dalla smart city alla città sostenibile: il digitale come fattore abilitante per conoscere, collaborare e realizzare le città del futuro” in programma a partire dalle ore 10.00 presso lo Spazio “BASE Milano”.

Leggi: Digital4biz


L’evoluzione delle disuguaglianze: problemi sociali, economici e politici. Bologna, 2-3-4 novembre 2017

Lo scopo della conferenza è quello di portare all’attenzione di politiche e istituzioni il tema delle disuguaglianze sociali e della loro evoluzione. Allargando la discussione anche ad aspetti più ampi quali il concetto di disuguaglianza sociale e le potenziali politiche. Particolare attenzione sarà dedicata anche alle conseguenze delle varie forme di diseguaglianzain tutto il mondo, sia dal punto di vista economico che non. La conferenza si terrà a Bologna dal 2 al 4 novembre 2017

Leggi: Cattaneo Inequalities


Tecnologia e disabilità, a novembre torna “Handimatica”

Si tratterà dell’XI edizione dell’appuntamento promosso dalla Fondazione Asphi. “In questo contesto di ‘innovazione istituzionale’, con cambiamenti molto significativi che interessano il mondo della disabilità, è sempre più fondamentale interrogarsi sul ruolo delle tecnologie”
Handimatica, la principale mostra-convegno nazionale su tecnologia e disabilità, ci sarà nel 2017, dal 30 novembre al 2 dicembre presso l’Istituto Aldini Valeriani Sirani, Via Bassanelli 9, Bologna.

Leggi: Redattore Sociale


IN EVIDENZA:

Prestazioni familiari alle Unioni civili

Le istruzioni dell’Inps
A partire dal 5 giugno prossimo, alle coppie omossessuali che abbiano contratto una Unione civile spettano gli assegni familiari, quelli al nucleo familiare e il congedo matrimoniale, al pari di quanto previsto per i coniugi. E’ quanto precisa l’Inps nella circolare n. 84 del 5 maggio scorso, con la quale l’Istituto fornisce i chiarimenti necessari alla luce delle novità introdotte dalla legge n. 76 del 2016 sulle Unioni civili.
Analizzando alcune situazioni tipo, l’Istituto precisa che nei casi in cui in una Unione Civile, solo un componente risulti essere lavoratore dipendente o titolare di prestazione previdenziale, al pari del diritto riconosciuto nell’ambito del matrimonio, devono essere riconosciute le prestazioni familiari per la parte dell’unione civile priva di posizione tutelata.

Leggi: Inca


SEGNALAZIONI

Anziani e casa di abitazione, studio della fondazione CARIPLO

Anziani con abitazioni di valore e reddito basso. E’ questa una nuova contraddizione che si sta palesando nell’arcipelago della «disuguaglianza italiana»: sono circa 1,3 milioni i nuclei di anziani che dispongono di un reddito inferiore a 20 mila euro l’anno e però possiedono una casa che ne vale almeno 200 mila. Ancora più alta è la percentuale di anziani (21%) che abitano in casa di proprietà e hanno una capacità di risparmio basso o nullo. L’argomento è stato approfondito dal professor Luca Beltrametti che ha preparato un apposito studio («House rich, cash poor») per la Fondazione Cariplo con l’obiettivo di favorire una riflessione sulla ricchezza immobiliare (statica) degli anziani e su come possa essere messa in circolo. Sia per sostenere il reddito e le spese sanitarie dei legittimi proprietari sia per favorire figli e nipoti al tempo giusto e non solamente dopo, ovvero sotto forma di eredità a seguito della scomparsa di genitori e progenitori. Lo studio  è stato  presentato a Milano  il 2 ottobre in occasione della festa dei nonni.
Per info: www.fondazionecariplo.it

Leggi: Auser


Servizi e sportelli social(i)

Dal 21 agosto è online la nuova pagina facebook “Servizi e sportelli sociali – Comune di Bologna”, consultabile liberamente (anche senza alcun login, non serve avere un proprio profilo) a questo indirizzo.
La pagina si pone in primo luogo l’obiettivo di rafforzare la comunicazione rivolta ai cittadini, facendo circolare maggiormente notizie e informazioni utili e raggiungendo con più facilità anche tutti quegli utenti che accedono a internet prevalentemente o solo attraverso dispositivi mobili (e sono ormai la maggioranza di chi naviga in internet), dando risposta con maggiore immediatezza anche ad eventuali quesiti, dubbi e domande. Ma  vuole essere anche un luogo per raccontare attraverso piccole photogallery e post, le attività dei servizi sociali territoriali e degli altri servizi di varia natura a valenza sociale per valorizzarli e favorire l’incontro con i cittadini e lo scambio tra operatori.

Leggi: Comune di Bologna


NEWS

martedì 10 ottobre 2017
Cgil, Cisl e Uil in piazza per il Cittadinanza Day

Appuntamento a Roma il 13 ottobre, Piazza Montecitorio, ore 16.30. La richiesta: approvare la legge entro fine legislatura. “Continueremo a tenere alta l’attenzione insieme alle forze democratiche che vogliono un Paese aperto e civile”
Cgil, Cisl, Uil il prossimo 13 ottobre, alle ore 16.30, saranno in Piazza Montecitorio, a Roma, insieme ad associazioni, insegnanti, genitori e alunni, politici, parlamentari, uomini di cultura, a sostegno dell’iniziativa ‘Cittadinanza Day’, promossa da ‘#ItalianiSenzaCittadinanza’ e ‘L’Italia sono anch’io’. “L’obiettivo – ricordano le confederazioni in una nota a firma Kurosh Danesh e Selly Kane, responsabili Ufficio immigrazione Cgil nazionale, Liliana Ocmin, responsabile Immigrati Donne e Giovani Cisl nazionale, e Giuseppe Casucci, coordinatore Dipartimento politiche migratorie Uil nazionale – è chiedere al Parlamento di votare entro la fine di questa legislatura la riforma della legge 91/92 sulla Cittadinanza, già approvata due anni fa dalla Camera, che introduce i concetti dello Ius soli temperato e dello Ius culturae”.

Leggi: Rassegna sindacale, 10/10/2017


lunedì 9 ottobre 2017
 Redditi da pensione. Istruzioni per l’uso. La campagna informativa dello Spi Cgil

Capita di frequente che l’Inps richieda indietro ai pensionati somme erroneamente versate. Per evitare di dover restituire cifre anche consistenti a volte basta seguire alcuni semplici accorgimenti. Ma non è facile districarsi nelle complesse maglie della previdenza. A mettere tutto nero su bianco in modo chiaro è lo Spi Cgil che stamattina ha avviato una campagna informativa rivolta ai pensionati proprio per evitare che si creino prestazioni indebite, da dover poi restituire.
Si tratta di vademecum – scaricabile dal sito dello Spi a questo indirizzo: http://www.spi.cgil.it/red_istruzioni – che in pochi passi spiega cosa bisogna fare per dichiarare correttamente i propri redditi all’Inps. L’istituto previdenziale, infatti, verifica annualmente i redditi personali dei pensionati e dei familiari che possono influire sulle prestazioni collegate, come: integrazioni al trattamento minimo, maggiorazioni sociali, trattamenti di famiglia, pensioni ai superstiti e altri benefici.

Leggi:  Liberetà, 09/10/2017


lunedì 9 ottobre 2017
 Toscana, colazione a domicilio per migliaia di anziani

Grazie al progetto del Banco Alimentare e Kellogg’s, tantissimi over 65 riceveranno a casa una colazione composta di latte, caffè, thè, succhi di frutta, biscotti ed altro, in quantità corrispondente alle dosi nutrizionali giornaliere consigliate
Si chiama “Evviva la colazione” ed è il progetto della Fondazione Banco Alimentare insieme a Kellogg’s. Il Banco Alimentare della Toscana aderisce a questo progetto nazionale per renderlo concreto anche nella regione. Il progetto si propone di garantire un pasto fondamentale come la colazione non solo ai bambini, da sempre al centro delle iniziative del Banco, ma anche agli anziani over 65. E proprio in questa fascia d’età si raccoglie, purtroppo, un numero sempre crescente di persone in difficoltà che non riescono a vedersi garantiti i pasti quotidiani.
In questi 4 mesi, fino a dicembre compreso, i volontari del Banco stanno consegnando alle strutture caritative convenzionate, che assistono anziani a domicilio, tutto quello che serve per preparare una colazione sana e nutriente: latte, caffè, thè, succhi di frutta, biscotti ed altro, in quantità corrispondente alle dosi nutrizionali giornaliere consigliate. I volontari delle strutture, a loro volta, consegnano direttamente nelle case di circa 300 anziani i prodotti assegnati.

Leggi: Redattore Sociale, 09/10/2017


venerdì 6 ottobre 2017
La giungla dei superticket

Sono 15 milioni gli italiani che pagano il superticket, di cui si discute l’abolizione, proposta da Mdp e parzialmente accolta dalla risoluzione di maggioranza al Def. Si tratta esattamente della metà di coloro che ricorrono a prestazioni specialistiche: ogni anno su 60 milioni di italiani, infatti, circa 30 milioni hanno la necessità di fare analisi, Tac, accertamenti per le più svariate patologie. Di questi 30 milioni la metà sono esenti; gli altri pagano.
La valutazione viene da uno studio dell’Agenas, l’agenzia pubblica della sanità, e che si intitola «Gli effetti della crisi economica e del superticket sull’assistenza specialistica». La cifra, per essere precisi è una proiezione sull’80 per cento del Paese, perché come ammettono i ricercatori, non è facile avere dati freschi e precisi da tutte le Regioni. Gli esenti sono sostanzialmente i più disagiati, mentre la platea dei 15 milioni di “pagatori”, con redditi più alti, si sobbarca naturalmente, oltre al superticketdi norma pari a10 euro, anche il ticket base che sempre di norma è pari a 30-35 euro.

Leggi: La Repubblica, 06/10/2017


venerdì 6 ottobre 2017
Il progetto (negli Usa) che parla italiano

Calze e scarpe «smart» che aiutano gli anziani nella riabilitazione
Sensoria si affaccia ad una nuova frontiera del monito-raggio dell’attività fisica e sigla un accordo con la statunitense Genesis che gestisce oltre 2.000 case di riposo negli Usa. Nata nel mondo del wearable per lo sport, la startup con sede a Seattle, ma italianissima, guarda a chi ha più di 65 anni (il 30% di loro negli Usa si fa male o muore cadendo) e lancia un’app e una dashboard per monitorare la riabilitazione fisica dei pazienti. Una novità dal potenziale enorme a fronte di una popolazione mondiale che invecchia sempre più.

Leggi: Corriere della Sera, 06/10/2017


venerdì 6 ottobre 2017
 Previdenza sanitaria integrativa, una crescita a piccoli passi

Chi ricorre ad una polizza sanitaria integrativa abita nelle regioni del Nord, ha più di 45 anni ed appartiene ad un ceto sociale medio- alto con un miglior stile di vita e stato di salute. E’ l’identikit tracciato nell’ambito del convegno “La previdenza sanitaria integrativa: configurazione, dimensione, effetti e policy” organizzato dall’Ordine dei medici di Roma presieduto da Giuseppe Lavra con il patrocinio dell’Assemblea capitolina.
«La percentuale di popolazione assicurata è aumentata dal 14% del 2013 al 15,1 del 2015 per un numero pari 9,128 milione di individui – sottolinea Aldo Piperno dell’Università di Napoli che ha stilato un rapporto con numeri e trend della previdenza sanitaria intergrativa – . L’incremento 2013 – 2015 si è registrato in tutte le aree del paese, ma è stato lievemente più alto nelle regioni del Nordovest (20,2 rispetto al 17% del 2013) e nelle Isole (8,8% verso 6,2%). La distribuzione per area, invece, in tutti gli anni è concentrata soprattutto nel nord e a seguire presso le popolazioni del centro Italia».

Leggi: Sanità 24, Il Sole 24 Ore, 06/10/2017


venerdì 6 ottobre 2017
Invecchiamento e smartphone, così aumentano le patologie oculari

Le patologie oculari e i disturbi visivi sono notevolmente in aumento rispetto agli anni passati, sia a causa dell’invecchiamento della popolazione che, soprattutto fra i giovani, per l’uso scorretto di cellulari e personal computer. Tra gli interventi più eseguiti troviamo: l’estrazione di cataratta mediante facoemulsificazione con ultrasuoni attraverso una microincisione di 2,2 mm e impianto di cristallino artificiale in grado di correggere pregressi difetti di vista come l’ipermetropia, la miopia e l’astigmatismo; la chirurgia del distacco di retina sia con tecnica classica dall’esterno del bulbo oculare sia dall’interno del bulbo oculare con tecnica di rimozione dell’umor vitreo chiamata vitrectomia; la chirurgia del glaucoma sia tradizionale sia con l’utilizzo di nuovissimi micro impianti; i trapianti di cornea sia a tutto spessore sia lamellari per il ripristino della normale trasparenza della cornea lesionata; interventi di strabismo sia nel paziente pediatrico che nel paziente adulto e la chirurgia delle vie lacrimali con correzione di eventuali alterazioni palpebrali con particolare riferimento alla chirurgia estetico-ricostruttiva in caso di tumori delle palpebre e del volto.

Leggi: Sanità 24, Il Sole 24 Ore, 06/10/2017


giovedì 5 ottobre 2017
Superticket, Cittadinanzattiva: «Abrogarlo subito in legge di bilancio». Ecco la mappa

Stop al superticket sulle prestazioni specialistiche e ambulatoriali, ma senza fretta. Il meccanismo andrà gradualmente rivisto. Su questa possibilità si sono pronunciati all’unisono Governo e Parlamento, ieri alle prese con l’approvazione della nota di aggiornamento al Def. Ma la tassa più detestata dai pazienti andrebbe invece abolita da subito. Lo sostiene il Tribunale dei diritti del malato-Cittadinanzattiva che ha monitorato l’applicazione del superticket nelle regioni.

Leggi: Sanità 24, Il Sole 24 Ore, 05/10/2017


giovedì 5 ottobre 2017

Emergenza case di riposo. Arrivano nuove denunce

I Nas di Perugia hanno denunciato all’autorità giudiziaria i gestori responsabili di due comunità di alloggio per anziani. L’accusa è di aver ospitato 23 anziani non autosufficienti in condizioni psico-fisiche incompatibili con i requisiti necessari e di averli fatti accudire da operatori socio-sanitari privi di titoli e competenze specifiche. E, per finire, sono state rilevate anche violazioni delle norme di sicurezza dei luoghi di lavoro. Si perché a rischiare nelle case di riposo non sono solo gli anziani ma anche i tanti lavoratori che spesso lavorano senza alcuna tutela.
È l’ennesimo caso che coinvolge drammaticamente una popolazione anziana sempre più sola. In queste strutture i familiari sono tenute a pagare delle rette a volte molto salate. Ma in cambio di cosa?

Leggi: Liberetà, 05/10/2017


giovedì 5 ottobre 2017
Social housing, con il fondo dei fondi di Cdp in arrivo 12.310 alloggi

Questo il bilancio – comunicato all’Urbanpromo Sh – ottenuto soprattutto grazie alle risorse del fondo Fia, ora pronto al raddoppio
Rigenerazione, recupero, riavvio dell’infrastruttura immobiliare in Italia. Per aumentare l’offerta non solo di nuove abitazioni permanenti o temporanee, ma di servizi per la formazione o lo sviluppo d’impresa. Dal Piemonte alla Sicilia, sono 168 gli interventi attivi nell’ambito del Sistema Integrato di Fondi (Sif) per un totale di 12.310 alloggi sociali e 4.145 posti letto in residenze temporanee e studentesche.

Leggi: Edilizia e Territorio, Il Sole 24 Ore, 05/10/2017


mercoledì 4 ottobre 2017
 Over60 una persona su 5 nel 2020: ecco le linee guida sull’assistenza

In occasione della Giornata internazionale della persona anziana, l’Oms ha chiesto un nuovo approccio per la fornitura di servizi sanitari per i più anziani, sottolineando il ruolo dell’assistenza primaria e il contributo della comunità che i professionisti sanitari possono dare per mantenere più anziani la salute più a lungo. L’Organizzazione, inoltre, ha parlato dell’importanza di integrare i servizi per condizioni diverse. ‘Entro il 2050, 1 su 5 persone al mondo sarà oltre i 60 anni’, ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms. ‘Il nostro obiettivo è garantire che tutte le persone anziane possano ottenere i servizi sanitari necessari, ovunque vivano’. Tuttavia, anche nei paesi più ricchi le persone anziane potrebbero non avere i servizi integrati necessari. In un sondaggio su 11 paesi ad alto reddito, fino al 41% degli adulti più anziani (età =65 anni) ha riferito problemi di coordinamento della cura negli ultimi due anni. Le nuove linee guida dell’Oms sulla cura integrata per le persone anziane suggeriscono che i servizi basati sulla comunità possono aiutare a prevenire, rallentare o invertire i declini delle capacità fisiche e mentali tra le persone anziane. Le linee guida invitano anche chi fornisce assistenza sanitaria e sociale a coordinare i servizi sulle esigenze degli anziani attraverso approcci come piani di valutazione e cura completi.

Leggi: Auser, 04/10/2017


DALLE REGIONI

Toscana, 350 inquilini disabili chiedono aiuto agli architetti esperti in accessibilità
E’ il progetto Ada promosso dalla Regione, grazie al quale gli inquilini con gravi disabilità possono usufruire gratuitamente della consulenza di architetti specializzati, oltre che di un contributo. L’assessore Saccardi: “Progetto per vivere in autonomia la propria abitazione
Sono 350 gli inquilini disabili toscani che hanno chiesto aiuto agli architetti esperti di accessibilità per migliorare la propria abitazione e renderla priva di barriere architettoniche. Gli architetti hanno fornito consulenze gratuite per adeguare gli appartamenti con domotica e tecnologie assistive specializzate. E’ stato possibile grazie al progetto della Regione dal titolo Ada, coordinato dal Crid, il Centro accessibilità della Regione. Del progetto si parlerà durante la Conferenza regionale sulla disabilità, in programma a Firenze il 13 e 14 ottobre.
Nello specifico, la Regione ha stanziato 800 mila euro per i contributi del progetto. Ogni zona ha il suo budget complessivo, stabilito secondo il numero di domande pervenute. Usualmente, per stabilire l’importo effettivo di ogni singolo contributo, si deve riunire una equipe (architetto + assistente sociale) per valutare la richiesta, corredata dei preventivi dei lavori da eseguire o delle attrezzature da acquistare.

Leggi: Redattore Sociale



LEGGI ALTRE NOTIZIE


Comments are closed.

Back to Top ↑